Nessuna Etichetta è Oro Colato

oro bianco vino aperitivo design packaging naming ricerca nome etichetta bottiglia eleganzaOro Blanco, Sauvignon.

D'accordo, si tratta di una etichetta "di studio", cioè non è stata applicata ad alcun prodotto in commercio. E' un esercizio di "immaginazione pratica" che a volte gli studi di design fanno per allenarsi o per fare un po' di auto-promozione. Però l'esercizio è venuto bene. Che pulizia grafica! Che eleganza. E poi quella intuizione del cerchio che si chiude su se stesso e pronuncia "oro" senza proferire parola. In questo caso la leggibilità, non lineare, certo, diventa gioco di design. Che funziona. Il gioco continua nel significato del nome: oro bianco, anche se il vino è di fatto giallo. Insomma un bel corto circuito comunicativo.

Di Tutti i Colori (Rosa Compreso)

limoncello liquori bottiglia design art decò packaging naming brand mktg nome ricerca



Limoncello Pink, LiDestri.


Un Limoncello rosa è una contraddizione in termini. Il cervello va in corto circuito. Ma si sa, gli americani dal punto di vista alimentare sono bizzarri. Basta pensare che bevono latte pranzando. Comunque, tornando all'etichetta: è ben disegnata, art decò, abbastanza originale, distintiva. Il nome certamente incuriosisce, per via del "corto circuito" mentale, accennato prima. Facciamone curiosità.

Rosa, Rosae, Rosam o Cosa?

bottiglia design packaging marketing branding nome ricerca naming etichette disciplinare
Rosato, Vermentino Nero, Lunae Bosoni.
Il buon Paolo Bosoni, patron dell'azienda vinicola Lunae, in Lunigiana, ce la mette tutta con le etichette (e anche con il vino) e i risultati sono ottimi. In questo caso ci sentiamo di esprimere una critica sulla leggibilità del nome: alla vista dell'etichetta di questo originale vino rosè da Vermentino Nero, l'occhio cerca e la mente vaga nel tentativo di comporre il "cruciverba". E non senza esitazione si può infine interpretare Mea Rosa. Per il resto si notano pulizia grafica, carta preziosa con particolari in rilievo, fine design e attenta ricerca dei caratteri di stampa.

Nomi della Tradizione, Troppo Regionali

regioni d'italia packaging branding etichette vino etichetta bottiglia naming ricerca denominazione



Spalatrone, Taurasi Docg, Russo.

Un'etichetta essenziale, total-black, elegante, quasi carismatica. Carattere austero ma con una grande dignità, proprio come il vino che rappresenta. In questo caso, dove la grafica è equilibrata e giustamente semplificata, parliamo del nome: Spalatrone. Deriva da un sistema di coltivazione del vigneto detto anche puteolano, tipico dei Campi Flegrei. In primo luogo, il nome scritto in corsivo e in oro diventa poco leggibile, inoltre il suo significato e la difficile pronuncia lo relègano ad un ambito molto locale. L'originalità non sempre è memorabilità.

Il Falerno, Vino Antico e Attuale


design falerno etichette vino packaging grafica classico moderno naming brand
Falerno del Massico, Villa Matilde.


La bottiglia è una di quelle "di design", svasata, bella sinuosità, ottima presa, elegante e valorizzante. L'etichetta è un connubio di canoni tradizionali, e ancora di più, storici, uniti ad una grafica attualizzata. Essenziale, sintetica, chiara (leggibilità), cromaticamente semplice ed equilibrata. Nella figura, due portatori di anfora conducono la mente alla storia dell'Impero Romano che per il vino è stato grande (e interessato) magnate e promotore. Manca un nome vero e proprio, ma "Falerno del Massico" esprime già originalità e pregio (oggi da uve Aglianico e Piedirosso).

Nomi e Vitigni nell'Antica Roma

baccanale vestali roma antica vino bacco tripudio falerno vigneti calici libiamoLa semantica dei nomi dei vitigni coltivati dai romani aveva delle origini molto precise che si rifacevano soprattutto, come era nella tradizione georgica, alla loro origine geografica e alle loro caratteristiche morfologiche. La maggior parte erano una traduzione dal greco.
- Nomi derivati da toponimi (nomi di luoghi): Biturica, dalle terre dei Biturici, nel Bordolese, Falerna dall'Ager Falernus, in Campania, Graecula dalla Grecia, Libica dall'Africa punica, Murgentina da Murgenta in Sicilia, Raetica dalla Rezia.
- Nomi derivati da antroponimi (nomi di persone): Numbiana dal viticoltore che la introdusse a Terracina, Holconia dal viticoltore Holconius, Calventina dal viticoltore Calventinus.
- Nomi derivati dalle caratteristiche morfologiche del vitigno: Pumila, vite dai tralci poco sviluppati, Sopina, vite dai tralci molto lunghi, Rubelliana per il colore rosso del rachide, Hirtiola per le foglie ricoperte di tricomi lanugginosi, Capnios (fumo) dal colore grigio delle bacche, Lagea (lepre) per il colore rosso scuro come il sangue della lepre, Oleaginea per le bacche simili a una drupa d'olivo, Duracina per la durezza della polpa.
- Nomi di origine diversa: Precox per l'epoca di maturazione, Eugenia per la sua nobile origine da cui Ugni, Trebbiano toscano in francese, Pergulana per la sua attitudine a essere coltivata a tendone. Molti di questi vitigni non hanno più un riscontro nelle varietà oggi coltivate.

Tratto da: La vite e ilvino di Attilio Scienza, Osvaldo Failla, Stefano Raimondi

Quando un Vino ha Bisogno di Immagine

bottiglia etichetta vino packaging wine design grafica marketing scaffale rosso toscanaBirbanera, Montecucco, Amantis.
E' un vino non molto conosciuto il Montecucco Doc. Ha ancora bisogno di attenzione e quindi di buona comunicazione. Questa etichetta valorizza il vino con simpatia e rigore grafico. Birbanera è un bel nome, suona bene, è originale. A rafforzarlo c'è la sagoma di un gatto nero su fondo bianco. Memorabile. L'etichetta è tagliata bene, asimmetrica ma con una dinamica piacevole. Belli i caratteri di stampa. Riusciti anche il nome e il logo aziendale. 

Bevibilità non è Leggibilità

packaging brand etichette vino bianco etichetta ricerca nome mktg bottiglia bottiglie vendita



Pinot Bianco, Cantina Colli Euganei.

Non è certo un esempio di leggibilità questa etichetta. Al nome si rinuncia subito, in favore della definizione generica del vitigno: scritto in grande, attira l'attenzione, ma si fa molta fatica a leggere. Anche il nome dell'azienda, posto in verticale a lato, non sovviene immediatamente. Del resto i toni chiari sono coerenti con la tipologia di prodotto, i colori sono innovativi e "giovani", l'illustrazione, una conchiglia, potrebbe avere un senso (residui di fossili marini nel terreno). Ma in generale c'è disordine e non c'è armonia.

Etichetta Classica o Moderna? Dimenticabile o Eterna?

packaging etichetta vino design marketing branding brand bottiglia adesivi giove ricerca nome
Colle di Giove, Fratelli Pardi.

Ecco un ottimo esempio di modernità classica, cioè di una etichetta che non fa perdere nulla alla tradizionalità un po' "dovuta" del vino italiano e riesce anche a dare un'immagine dinamica ed evoluta. Esprime in immagini e sensazioni quello che dovrebbe avvenire in cantina: tecnologie moderne con un sapere e un sapore antico. Bella la stilizzazione del falco con il grappolo dorato, bello l'abbinamento dei colori. Semplicità ed eleganza. Il nome Colle di Giove evoca l'alta protezione degli Déi ma facendo restare il vino con i piedi, o meglio le radici, per terra.

In Ogni Caso è una Questione di Etichetta

vino brand branding marketing comunicazione enologia packaging naming etichette vino


Una guida per l'etichettatura del vino in Italia.

E' importante l'immagine, certo, ma anche la correttezza dei dati sull'etichetta, secondo le norme in vigore. Capita spesso che i produttori di vino incontrino difficoltà e multe per un’etichetta risultata non regolare. I consorzi, che dovrebbero aiutare in questa "impresa", a volte forniscono informazioni incomplete o non aggiornate. Serve quindi procurarsi gli strumenti adeguati. E poi naturalmente creare una etichetta che oltre che corretta sia anche originale, bella e attenzionale.  Qui il link per acquistare il libro.

Design e Vino: questione di Gusto

vino rosso altos spagna rioja etichette vino wine design packaging naming ricerca nome



Altos Ibericos, Torres.

Un'etichetta, di un vino spagnolo, con colori sobri ed eleganti. Così eleganti che la trama grafica centrale sembra proprio la texture di una cravatta! Niente di male, anzi. Molto maschile, anche nei toni cromatici, molto da "leader" anche il nome, che "vola alto". L'oro impreziosisce, il granata mette tutto in evidenza. Per lo stile spagnolo prevalente possiamo considerarla un'etichetta classicheggiante ma ben riuscita. Viaggia sul sicuro entro codici di rassicurante preziosità. E anche il posizionamento di prezzo può trovare giovamento.

Cane: a Volte i Nomi Mordono

rum etichette packaging bottiglia lettering naming ricerca nome distillato design grafica



10Cane, Rum.

Ci sono nomi che funzionano in tutto il mondo tranne in qualche paese dove quel nome può generare significati diversi da quello originario, e per di più negativi. E' il caso di questa marca di rum di Trinidad, di proprietà del gruppo Moët Hennessy. In italia Cane è... cane! Invece per il mondo anglosassone è la canna da zucchero. Ecco perché andrebbero sempre condotte delle verifiche con madrelingua dei vari paesi. Per il resto questa etichetta è davvero ben fatta: elegante, raffinata, valorizzante, concettualmente in linea con il prodotto e il suo "vissuto".


Piume di Uccello e Zampe di Coniglio

wine design packaging naming lettering branding etichetta etichette vino bottiglia marketing
The Good Wine Co.

Dicono gli esperti del settore che alcuni riferimenti, tipo le piume di uccello, siano totalmente "anti-alimentari". Trasmettono cioè sensazioni negative all'osservatore. A chi, insomma, deve decidere di acquistare un vino, ad esempio. Qui abbiamo (l'ennesima) assenza di nome (la denominazione principale si riferisce all'azienda produttrice ed è abbastanza generica) e grande presenza di piume. Belle le illustrazioni, ottima la scelta dei colori, criticabile il lettering. E poi le piume che "guastano" un po'. Almeno secondo i canoni Europei, senza la pretesa che siano sempre buoni e giusti, naturalmente.

Dall'Umbria con Passione

vipera vipra rosso rossa branding packaging etichetta etichette vino naming ricerca nome
Vipra Rossa, Bigi.

Un bel progetto enologico innanzitutto: un vino "per tutti", rotondo, piacevole, di buona qualità, a meno di 5 Euro (quando, e succede spesso, va in sconto nella GDO). Ovvero la soglia della qualità-prezzo di molti consumatori. Un'etichetta e un nome da grande vino. Perfezione nei particolari. Coraggio, coerenza, gusto. Il nome innanzitutto: arcaico ma incisivo, territoriale. Il packaging: originale, essenziale, impattante, elegante. Insomma vedere per credere. E toccare la vipera in rilievo sulla bottiglia. Chapeau, direbbero i francesi.

Il Gallo Nero sta Invecchiando Bene?

vino chianti toscana tuscany branding etichette packaging naming design labelling uso
Villa Cafaggio, Chianti Classico.


Il Chianti è solo il Classico, dice qualcuno. E non si può dargli torto. Il Gallo Nero, insomma, guida la tradizione. L'enigma per i produttori è: rinnovare o conservare. Non a livello di vinificazione, quella deve rimanere nell'uso. Ma per le etichette? Il troppo classico paga ancora? Quella che vediamo qui a fianco è Classicissima, non concede nulla, ma proprio nulla, alla modernità, a nuove scuole di pensiero. Stemma, nome "della casa", carattere volteggiante, carta anticata e goffrata. Che abbiano ragione loro?

Nome Musicale, Buon Tono Generale



branding naming packaging labelling etichetta etichette design grafica colore
Joss Vodka, Sòlas Distillery.

Una premiata vodka americana (prodotto e packaging), si veste di tonalità insolite. Il colore, rosa-salmone intenso, spicca sulla bottiglia trasparente e naturalmente anche negli scaffali o nel bancone del barman. La vodka viene solitamente vestita di toni freddi come i blu, l'azzurro o con alteri neri, salvo casi particolari. Questo è uno di essi. La forma dell'etichetta insegue lo stile  "scudato" del settore ma il risultato generale è di impatto. Bello il nome, breve, veloce, musicale, che si pronuncia come Jazz ma si riferisce a un "idolo cinese o immagine di culto".

Etichette di Vino in Stile Borotalco


Delphis, Hamilton Russel.

La ragione per cui queste etichette sono così "pastellose" sembra essere nel fatto che sono state studiate e prodotte in esclusiva per un Hotel "romantico", all'interno del Parco Divertimenti Tivoli a Copenhagen. Questo non toglie che l'aspetto Art Deco e soprattutto i colori, risultano più adatti a una marca di borotalco piuttosto che al vino. Prodotti nella Western Coast del Sud Africa, questi vini in Italia e in Francia, molto probabilmente non lascerebbero gli scaffali. Se mai quelche enotecario decidesse di accoglierli. Stiamo parlando di packaging, naturalmente, non giudichiamo il vino in se stesso.

L'Aceto Balsamico di Una Volta

aceto modena sapore tradizione bottiglia etichetta etichette packaging classicità design
Aceto Balsamico Cavedoni.

L'aceto balsamico deve essere vecchio. Di nome, di aspetto e di fatto. Il suo percorso "formativo" attinge in anni di passaggi da botticella in botticella. La sua cultura si tramanda di generazione in generazione. Ecco quindi un fulgido esempio di etichetta "antica", di quelle che fanno sentire il peso della tradizione in senso positivo: arcaica ma coinvolgente. Promette gusto e passione che vengono da lontano. L'avo baffuto al centro è una garanzia. La forma della bottiglia aiuta ed è coerente, il cartellino appeso al collo della bottiglia conferma. I codici dell'affidabilità storica ci sono tutti.

Un Rioja Reale ma poco Realistico

classicismo vino rosso rioja packaging naming lettering labelling etichetta etichette design

Rioja, Remìrez de Ganuza.

Etichetta classica e "no name" per un vino spagnolo "Regale" e di grande fama (come tipologia, il Rioja). La classicità della cornice e dei decori viene confermata da una grafica centrata e ordinata fino all'eccesso. I colori tradiscono l'impronta iberica un po' "caciarona", diciamo che è in linea con il proprio target sia pure trattandosi di un vino "superiore", di gamma alta. La nota creativa viene dal quadrato al centro, un ghirigoro che riproduce in modo "artistico" il nome dell'azienda: Remìrez de Ganuza. Sei meno, meno, meno.

Il Lato Doppio dell'Incomprensione

vino napa valley bottiglia design packaging naming etichetta etichette labelling rosso




BSide, Cabernet Sauvignon.

Bella la grafica, ricercato il carattere di scrittura. Bello anche il nome che prefigura aspetti complessi che ogni vino di qualità dovrebbe promettere (e mantenere). L'enigma risiede nel soggetto-oggetto-rigetto scelto per la rappresentazione visiva. Un agglomerato color antracite annodato "ad arte" che si presta a molte interpretazioni (e questo potrebbe essere positivo) ma crea anche confusione mentale; incuriosice un po', ma non impatta e infine non emoziona. 

Vino Tormentato, Vino Prelibato?

syrah, sirah vino rosso etichetta etichette vino packaging vetro bottiglia
Tormentoso, Syrah & Mourvédre. Questa cantina del Sud Africa ha deciso di dare importanza al proprio nome, Tormentoso, dall'appellativo originario del Capo di Buona Speranza, che il suo scopritore Bartholomieu Dias gli attribuì nel 1488. Tormentoso infatti appare in grande evidenza in tutte le etichette dei vari vini prodotti (qui la tipologia Syrah & Mourvédre). Di bello, oltre al nome dell'azienda, con una storia e una sua fonetica appassionata, c'è anche il pesce in alto a sinistra, forse un po' troppo fumetto, ma simpatico. Certo che la decisione di non dare nomi ai singoli vini della gamma toglie importanza e credibilità agli stessi.                      

Tra un Sì e un No, tra un Se e un Ma

rosso vino packaging etichette vino label naming bottiglia adesiva stampa sangiovese
Sasyr, Rocca delle Macìe.

La nota casa vinicola toscana ha in gamma questo vino rosso che viene definito come un "Vino Donna", femminile quindi, morbido e fruttato. Rotondo, sinuoso e di grande bevibiltà. Sarà. Ma perché mettere insieme Sangiovese e Syrah? Scelte enologiche del tutto legittime. Forse non plausibili, ma possibili. Me è il mettere insieme i nomi dei due vitigni, Sa e Syr che rende molto perplessi. Al di là di ogni plauso possibile. Risulta un nome poco evocativo, vagamente mediorientale, foneticamente inceppato, letteralmente frazionato. 

Cura e Dedizione dal Centro Italia

offida pecorino bottiglia vino packaging etichette vino etichetta vini on line tradizione





Merlettaie, Offida Pecorino, Ciù Ciù.

Un vino rappresentativo del centro Italia viene ben valorizzato con una etichetta semplice, dai toni coordinati, in equilibrio tra tradizioni contadine ed attenzione per la qualità. Il nome, fa riferimento alle Merlettaie, le donne che confezionavano merletti per i corredi di nozze. Il visual sostiene il concetto e rafforza il senso di cura e dedizione. Si nota squilibrio solo tra il nome dell'azienda (Ciù Ciù), prevaricante, e gli altri elementi del design. Andava forse ridimensionato e posizionato diversamente.

Allegoria di un Vino, Anatema di un Nome

perlage prosecco vino bollicine packaging etichetta etichette vino naming nome ricerca


PerlApp, Prosecco Superiore, Perlage.

Come si può vedere, questo virgulto del Prosecco Docg si chiama PerlApp. Ecco alcune informazioni: è un extra dry "per giovani". E' della Cantina Perlage di Valdobbiadene. E' prodotto con uve Glera e incrocio Manzoni. E' bio ed è un Prosecco Superiore. Ha una bassa gradazione alcolica (10,5% vol.) e "consente di collegarsi con il “mondo Perlage”, attraverso il Qr-Code posto sull’etichetta, con cui si scarica una App contenente informazioni dettagliate su curiosità, eventi, ristoranti e luoghi da vistare nel territorio." (cit. l'azienda). Per tutto il resto ci sono molti dubbi.

Uno Spirito da Mare

L'Esprit de Skalli, Cote du Rhone.

Skalli è il nome del produttore e dentro a questa bottiglia è racchiuso tutto il suo "spirito", la sintesi di un concetto produttivo. E fin qui siamo d'accordo. Ma la capsula e l'etichetta sembrano appartenere a due stili diversi. La prima moderna eppur "bucolica", l'etichetta principale molto, molto di design, lineare, affilata. La scelta stilistica dell'etichetta trasmette sensazioni mediteranee ma in senso di mare, di costa, di flutti, di scogliera. Potrebbe ricordare la frastagliata Bretagna, più che il mediterraneo Sud della Francia.

Le Virtù di una Bella Etichetta

colore etichetta adesiva atichette vino label packaging naming bottiglia vino chardonnay ricerca nome
Ashbourne, Hamilton Russel.

Una etichetta che richiama atmosfere da Belle Epoque. Romantico old style, insomma. Cromaticamente variegata, gentile nei toni pastello. Molta natura: fiori, volatili, animalini vari. Il nome sembra richiamare una località della Walker Bay, in Sud Africa, luogo di produzione. Sauvignon Blanc e Chardonnay i vitigni costitutivi. Particolare da non trascurare: l'etichetta ha generato un notevole incremento delle vendite.

Oro, Incenso e... Erba Cedrina

liquore packaging naming erba cedrina ricerca nome confezione marketing etichetta

Cedrino Melchiorre.

Bella la bottiglia, il suo "taglio", il formato stesso. Bello il colore del prodotto evidenziato dal vetro trasparente. Prodotto abbastanza originale nel settore, ottenuto da Erba Cedrina. Semplice, quasi didascalico, ma piacevole e meritevole il nome. Unito a una grafica, classica ma non con un piede nella fossa, che presenta uno slancio moderno, grazie al carattere dei testi e al design del contorno dell'etichetta. 

Alla Radice del Problema

rosso vino packaging etichetta vino etichette vino label ricerca nome naming bottiglia capsula



Radix, Parès Baltà.

La grafica di questa etichetta lascia poco spazio (perché ne ha molto elegantemente vuoto) ai commenti: lineare, geometrica, forse risolta in modo fin troppo "pulito". Un conto è lo stile sobrio, un altro è la semplicità, un altro ancora i colpi di genio. Qui emozioni non se ne trovano. E per quanto riguarda il nome, in latino, ma comprensibile a molti, richiama certo la terra, ma con un "codice" semiologico più da elisir d'erbe che di vino rosso. 


Se la Cava un po' alla Francese

cava vino spumante bottiglia design ricerca nome marketing bollicine naming etichette vino



Gran Claustro, Perelada.

Una bottiglia particolare per forma e sinuosità. Un Cava di bollicine quasi classiche, con Pinot Nero, Chardonnay e Parellada. L'emozione della bottiglia originale si spegne un po' nel grigiore dell'etichetta che quasi scompare, se non fosse per la forma originale che accompagna le curvature del vetro. Quanto al nome, Gran Claustro, un facile riferimento alle clausure clericali e al mondo cistercense della presa di spuma: non spicca quindi per originalità.

Un Nuovo Fiasco per il Chianti

fiasco bottiglia chianti packaging naming vino ruffino etichetta vino etichette vini ricerca nome





Chianti Ruffino.

La storica azienda toscana, ora di proprietà dell'americana Constellation Brand, rilancia il fiasco di Chianti con una "shape" e un formato innovativi. Bottiglia da 1 litro avvolta, nella parte inferiore, in carta ecologica a simulare la paglia di antica memoria. L'effetto è quello di un fiasco moderno, elegante, femminile, semplice, qualitativo. Piacerà alla vista e al gusto?

Un Vino dal Sangue Rosa

packaging etichetta vino etichette vini pavese naming lettering bottiglia calice rosso



Sangue di Giuda, Luigi Scaroni. 

Di questa particolare bottiglia possiamo salvare due elementi: la personalizzazione del vetro, in rilievo, e l'azzardato colore rosa di fondo e della capsula. Per il resto è possibile rilevare la mancanza di nome vero e proprio (ma la tipologia Sangue di Giuda è di per sé originale, a dire il vero) e il carattere di stampa super-graziato dei testi, da vecchia tipografia. Tutto questo nella speranza che si salvi quanto meno il vino contenuto nella rosea bottiglia. E che non sia un Rosè ma un corposo rosso da salumi pavesi.

Un Bottiglione Prezioso (e Costoso)





Mo€t & Chandon, Imperial.

Certo non deve costare poco questo Jeroboam della nota casa francese. Parliamo del packaging naturalmente. Una veste tutta d'oro con i consueti segni distintivo del re degli Champagne. Sovrano soprattutto per la brand-awarness, come la chiamano i pubblicitari, la conoscenza di marca. Forse adeguata al target, la confezione: esibisce pulizia grafica ma forse è un tantino esuberante. La classe non è acqua, ma non sempre è Champagne.

Un Pioniere della Vecchia Guardia

vino bianco sauvignon packaging naming ricerca nome etichetta label cartiglio mktg



Pioneer Block, Saint Clair.


Questo Sauvignon Blanc della Nuova Zelanda ha deciso di presentarsi al mondo dei consumatori con una veste "old style", con alcune simulazioni di scritte amanuensi, un po' come è in uso per alcuni Amarone classici dell'italica produzione. Bello il nome, evocativo, carismatico ma anche "terra-terra" come si conviene a un vino che vuole porsi come sanguigno e genuino. Stonano i due riconoscimenti tondi in alto a dx.

Un Mistero che Mette in Gioco il Vino

vino romania wine etichetta label packaging naming design semiologia grafica ricerca nome





Mysterium.


Il "mistero", vino che viene dalla Romania, è nascosto nel labirintico reticolo sul fronte che, se illuminato con luci ultraviolette, oppure se osservato bene, rivela il nome. Gran lavoro di grafica e di inchiostri speciali. Ma forse il gioco trasale le intenzioni e si "beve" le attenzioni che si dovrebbero prestare al vino.

La Birra del Capo Indiano

birra capo indiano packaging ale naming design grafica marketing colore label

Iroquois Beer Ale

Tutt'oggi si trovano etichette che riportano codici "classici", il datato come valore. Per alcuni prodotti come vino e birra, e in certi casi, può valere il rischio. In questo caso, etichetta del passato, il nome pecca in leggibilità e si forniscono troppi "centri di attenzione". La data, il nome, il disegno, la categoria di prodotto, il nome ripetuto sul copricapo, etc...

Vini che Raccontano Storie

vermentino rosso igt doc sardegna, storia passione ricerca nome mktg packaging
Cantine Massidda.


Il vino è la poesia della terra, scriveva Mario Soldati, il vino dovrebbe sempre raccontare una storia, aggiungiamo noi. Ed ecco due etichette poetiche che narrano episodi legati alle vicende famigliari del produttore, sito in Donori, Cagliari. Si tratta di un Vermentino di Sardegna e di un Rosso Igt. Etichette dallo stile insolito e "spiazzante". Comunque bella la veste coreografica dell'insieme.

Si chiama Rigoletto ma il Design non Scherza

rigoletto verdi opera scala vino bottiglia packaging naming, design ricerca nome mktg
Rigoletto, Shiraz.

Bella etichetta, elegante, pulita, minimalista ma con gusto, dove il visual e il nome celebrano il buffone di corte Rigoletto (dal francese rigoler: scherzare). Personaggio di un'opera di Verdi, richiama traversie amorose, suona italiano, evoca musicalità. Coraggioso ed estemporaneo per uno shiraz. Sagace e memorabile.

La Bottiglia con il Collo Storto

forma packaging industrial design originale vetro bottiglia stile vino novità idea ricerca nome

Obtorto Collo.

La semplificazione dei processi industriali consente oggi la produzione di idee e forme innovative a costi ragionevoli. Ne è un esempio questa bottiglia a "collo torto" che immaginiamo possa agevolare le operazioni di servizio. Originale, forse unica nel suo genere, esce dagli schemi per colpire l'attenzione e forse anche per aggiungere un miglioramento "tecnico" alla gioia del vino.

Il Barolo del Cappellano Matto

piede franco barolo etichetta classica vigna cappellano packaging design ricerca nome
Barolo Cappellano.

Nulla da eccepire sul buon nome e la storia di questo produttore di Langa e sul suo Barolo. E anche per l'etichetta, appartenente alla categoria "grandi classici" non ci sono grandi rimostranze. Otin Fiorin è la vigna a piede franco che origina il vino. Semplice e lineare. Certo che quella banda nera che ormai tutti hanno adottato in terra di Barolo... si potrebbe anche tentare di sostituirla con qualche scelta innovativa.

Il Vitigno Diventa Protagonista

testo grande naming bottiglia grafica design merlot sirah ricerca nome vino packaging




Merlot/Sirah Jaqk.


Che esagerati questi americani, verrebbe da dire. Il nome non c'è, infatti non si vede. Quello che si vede benissimo sono i due vitigni che "compongono" questi due vini. Impatto, certo. Riescono a farsi notare. Il carattere del testo è originale,  dinamico, accattivante. Ma il tutto risulta un po' pesante. Speriamo non il vino.

Un Vino molto "Colorito"

blend colore colori colorito bottiglia pantone pack naming ricerca nome mktg design
Plural, Osborne.
Sembra più un esercizio cromatico questa etichetta
anche se dietro si intravede un concetto, quello
di mescolare i colori e i vitigni, 
in un blend armonico.
Azienda spagnola, il torello lo dichiara,
nome "internazionale", breve, coerente e comprensibile.
Certo il gioco dei pantoni è un po' fine a se stesso.

Quando l'Etichetta Spara

vino vitigno etichetta label design bottiglia mktg packaging naming ricerca nome design
Una linea di vini da vitigni tipici italiani prodotti dall'azienda M.Wolland. 
Simpatico il nome Zì Raffaele
con il ciuchino sullo sfondo. 
Gli altri tre che compongono
la gamma "scendono" a compromessi proponendo in evidenza il nome del vitigno, 
tra l'altro con un carattere sgraziato
Avanti un altro!

Bicicletta e Vino Organico


cabernet carmenere cile bottiglia bicicletta bici etichetta design ricerca nome
Bicicleta, Cono Sur.


La bicicletta è molto di moda in tutto il mondo e da sempre assurge a simbolo di "rispetto per l'ambiente". Questa azienda, Cono Sur, dal Cile, ne ha fatto un tratto di riconoscimento per una linea di vini organici. Etichetta chiara, pulita, con un posizionamento preciso e coerente con la tipologia di produzione.

Dal Carso Sloveno, la Malvasia Istriana

slovenia malvasia vino bianco packaging ricerca nome pietra sassi collina winePietra, Malvazija.
Essenziale, diretta, quasi rude, questa etichetta
che rivela un vino originario della Slovenia.
Si chiama Pietra e si può pensare alla composizione
geologica di quelle colline. Un richiamo diretto, quindi,
a reali caratteristiche del territorio.
Il nome trasmette esperienza, decisione, stoicità.
La grafica è moderna, forse un po' troppo metropolitana
per rappresentare quelle terre sconfinate.

La Vodka del Dragone

dragone vodka oriente nero black bottiglia packaging naming design ricerca nomeVodka Royal Dragon.
C'è molta competizione nel packaging della vodka,
sarà perché di fatto il prodotto costa poco all'origine
e quindi le aziende investono nella confezione
e nei suoi aspetti emozionali e di percezione qualitativa.
In questa domina il nero, l'oriente, il dragone, 
simbolo di prosperità e benessere, certamente positivo.
Non è molto Europeo. Ma forse nelle americhe piace...

Dalla Valle del Rodano un Vino-Iconico

icona vino rosso grenache granaccia packaging naming ricerca nome bottiglia redIco(o)n de Rasteau.
Forse la Cave de Rasteau non voleva puntare davvero
così in alto per questo vino che nasce da un 60% di Grenache
e per il resto da Syrah e Mourvèdre.
Ambiziosa l'etichetta con una simbologia 
che ricorda il tralcio con sotto una foglia.
Ma non riesce ad essere elegante fino in fondo.
Il nome richiama l'inglese, si capisce in tutto il mondo
ma perde "francesità".

Un Vino Firmato "a Mano"

vino australia packaging naming wine etichetta label ricerca nome rosso bottiglia
Shiraz "Hand Made" McGuigan.
C'è un'idea dietro alla progettazione di questa etichetta:
un semplice gesto, quello dell'impronta digitale, 
dà forza al concetto di "Hand Made" che è anche nome.
Il numero scritto a mano valorizza il concetto 
di serie limitata. 
Tutto torna, con pulizia e gusto nei caratteri del testo
e nella impaginazione grafica.

Lo Chardonnay numero Quarantanove

numero 49 chardonnay vino wine packaging naming design etichetta label ricerca nome
49, Chardonnay.
Chissà cosa hanno voluto rappresentare con questo numero 
i produttori Rocco Esposito e Lisa Pidutti 
di chiare origini italiane ma con i vigneti 
nella regione di Beechworth in Australia.
Sembra sia da attribuire al numero civico della loro azienda!
Comunque ottimo art-work in etichetta. 
Certo un numero non è un nome. Ma la pulizia grafica c'è.