Sbagliare l'Accento in un Nome (Grave è Grave)

naming branding design etichette vino
Perchè No?!, Primitivo, Cantine San Giorgio.

packaging grafica comunicazioneIl vitigno che in Puglia si chiama Primitivo, in America è noto soprattutto come Zinfandel. Si tratta proprio della medesima uva. Logico che finora in Italia è stato chiamato col suo nome originale (in lingua italiana). Le Cantine San Giorgio oltre a proporre un insolito nome del vino (insolito e scorretto, vedremo poi il perché) decidono di scrivere, sotto, nelle diciture di legge, "Zinfandel" invece di Primitivo. Scelta corretta dal punto di vista legale, evidentemente, e destinata ad attirare l'attenzione dal punto di vista della comunicazione. Una stranezza che, appunto, potrebbe generare attenzione nel pubblico dei possibili acquirenti, così come ha attirato la nostra. Curiosamente, in rete, si trova anche una versione di questa etichetta che invece del nome in italiano "Perchè No?!" riporta il medesimo significato in inglese: "WhyNot?!". E passiamo al nome vero e proprio (quello in italiano, visto che quello in inglese immaginiamo possa essere destinato all'export). In primo luogo, per essere precisi, l'accento sul "Perchè" è sbagliato. Infatti, osservando bene l'etichetta che riportiamo qui in alto a sinistra (scaricabile attualmente, alla data di questo post, dal sito del produttore) leggiamo la parola "Perchè" con l'accento rivolto verso sinistra, mentre quello giusto è quello che "svirgola" verso destra. Una questione di gravità, visto che la grammatica parla di accento grave (quello erroneamente usato) e accento acuto (quello corretto). Riportiamo la sintesi della regola dal sito di Treccani. E quindi, commentando sempre il nome in questione e rispondendo alla domanda "Perchè No?!": perché non è stata prestata attenzione al nome, all'etichetta, e quindi si presume che anche il prodotto non abbia ricevuto grande attenzione nel corso del processo di produzione.