Una Bonarda Carioca in Monferrato

branding marketing comunicazioneBonarda Vivace, Bianco Pasquale.

Vivace il vino, molto vivace l'etichetta. Siamo nel Monferrato (esattamente a Montegrosso d'Asti) dove la tradizione ancora travolge senza mezzi termini ogni nuovo tentativo di evoluzione, sia tecnica che comunicativa. Ma questo piccolo produttore che per il proprio marchio aziendale adotta, come una volta, la modalità "cognome/nome" (Bianco Pasquale), su questa etichetta ha deciso di sperimentare, di azzardare, di osare, l'uso di arte moderna. Un dipinto, un quadro, un'opera che si propone con una gragnuola di colori che quasi stordisce. Vaso di fiori? Grappoli d'uva? Fuochi d'artificio?Carnevale di Rio? Potere alla fantasia: ognuno può vederci quello che vuole, anche considerato che nel sito del produttore non si fa riferimento alcuno all'origine e all'autore del pezzo artistico utilizzato per l'etichetta di questa Bonarda Vivace. Ci scusiamo per l'immagine non molto luminosa, ma è l'unica reperibile in rete. Continuando nell'analisi dell'etichetta, del suo design, del packaging in generale, vediamo che sotto all'opera cromatica vengono collocate le scritte di legge (vitigno e tipologia) e di seguito il nome dell'azienda: "Bianco Pasquale & Figli". Tutto molto ordinato, sequenziale, ma se non fosse per il cromatismo forse la bottiglia passerebbe inosservata. L'esperimento comunque merita di essere notato, quanto meno esce dagli schemi classici che nella zona sono ancora molto in auge. Attira l'attenzione, conquista l'iride, anche se un chiaro costrutto concettuale non si manifesta. 

La Cultura è un Lusso e Non è in Vendita

branding marketing comunicazione
Lusso, Cabernet Sauvignon, 
Allora Vineyards.

Tre giovani donne, in modalità "Desperate Housewives", stanno bevendo vino rosso al cospetto di una panoramica vallata vitata. Sono un po' tristi, diciamo meditative, chissà cosa stanno pensando, di cosa stanno parlando. L'azienda vinicola che produce e propone questa etichetta ha sede in Napa Valley e si chiama "Allora": fa ampio uso di terminologie in lingua italiana per denominare i vini  della propria gamma. Oltre al Cabernet Sauvignon preso qui in esame, che si chiama "Lusso", nell'offerta del produttore troviamo anche "Lieta", vino bianco indefinito, "Cielo", blend di rossi, "Tresca", un altro Cabernet Sauvignon, "Sussurro", un porto-wine e altri ancora. L'uso di parole italiane rivela la scelta di un certo stile di comunicazione e a monte anche di marketing. In generale si trovano spesso cognomi o termini italici in California. Diciamo che è una moda-modalità. Tornando alla nostra etichetta: a proposito del marchio "Allora", il produttore afferma "The word Allora in Italian loosely translates to ‘so what’. It is a word that is often used in Italy as ‘whatever’, and we felt this best described our style as well...". Mentre sul nome "Lusso" viene fornito questo rational: "Lusso means “luxury” in Italian. This luxurious Cabernet Sauvignon contains fruit from the St. Helena Appellation of Napa Valley and is 100% Estate Grown. Lusso comes from the best grapes we grow". La grafica dell'etichetta è elegante, ad esclusione dell'illustrazione con le tre donne, con fondo nero, profili in oro, caratteri di scrittura tra il prezioso e il classico. Certo non bastano le parole in italiano per dare prestigio: quello bisogna guadagnarlo con un'immagine, dentro e fuori dall'etichetta, fatta di estro creativo, gusto per la tradizione, storia e cultura pregnanti.

Quei Birichini degli Americani

branding design marketing
Malvasia Bianca, Birichino.

Le etichette di questo produttore californiano (con esperienze in tutto il mondo, ora stabilitosi a Santa Cruz, a sud di San Francisco) sono molto particolari. Denotano la volontà, specie ludica, di caratterizzare molto le varie produzioni. Dalla gamma proposta nella rete virtuale e commerciale abbiamo estratto la Malvasia Bianca che graficamente è semplice e "floreale" e il Vermentino, con una antica illustrazione, altro omaggio al noto vino italiano, del quale nel sito del produttore americano si dice: "It is often said that Vermentino recalls the mix of sweet and savory herbs (prebuggiun) that grow wild in the narrow terraces and fields of its native Liguria on the Italian Riviera". Al di là delle etichette, variegate e fantasiose, la questione ruota principalmente attorno al nome dell'azienda, "Birichino", nome che ha attirato la nostra attenzione, sia per la sua fonetica italica, sia per l'originalità di tale scelta.
winedesign maketing branding
Vediamo prima cosa scrive il produttore a questo proposito: "About the name Birichino, like locksmiths in the United States that add additional AAAs onto their names to be the first listed in the telephone directory, and drawing on deep reserves of innate marketing genius, we went in search of something unpronounceable to English speakers, yet also difficult to remember that began with A or B. Alluce was an early favorite, seeming to evoke lightness and air in English, but in fact translating as big toe. Seeking something with that playfulness, though about some things we profess to be deadly serious, and inspired by the surprising, slighty racy character of our first wine, the Malvasia Bianca that leads one on to thinking sweet, and delivers something else entirely, we hit on Birichino, meaning naughty in Italian. And who doesn't consider themselves just a little bit naughty, after all?". Descrizione simpatica e accattivante. Da parte nostra possiamo dire che "Birichino", secondo Treccani sarebbe "...voce emiliana, affine a briccone. Bambino vivace e impertinente, soprattutto in quanto manifesta tale suo carattere nelle parole o negli atti". E anche: "Nella prima metà del sec. 18° erano così chiamati a Bologna gruppi di malviventi, designati dal nome delle contrade, tra i quali vigeva una stretta omertà; consegnavano quanto riuscivano a rapinare a un capo, il quale ne disponeva a comune profitto". Insomma un nome davvero particolare, considerato che l'azienda è americana. 

Il Packaging a Volte è un Gioco

naming branding marketing comunicazione
Mamma Mia, Malvasia Aromatica e Trebbiano , Cantina San Biagio Vecchio.

Semplice e diretta questa etichetta. A parte la rima, diciamo che regna la sintesi degli elementi: un piccolo logo e nome d'azienda in alto, una illustrazione al centro, il nome del vino in basso. Possiamo definirla anche un po' infantile. L'illustrazione mostra il faccino sorridente di un fantasmino, o meglio di un bambino, o insomma si tratta comunque di un viso ammiccante. Anche il tratto con il quale è stato tracciato il disegno sembra quello di un bambino piccolo.
naming branding marketing comunicazione
Il nome del vino riconduce ad una affermazione molto in uso nel gergo italico: "MammaMia!" (diventato anche marchio di prodotti alimentari pronti, da banco frigo). Probabilmente (non si trovano spiegazioni riguardo questo aspetto, nel sito del produttore) questo nome è interpretabile come "mamma mia che vino!" oppure è l'affermazione di una mamma al cospetto delle marachelle di un fanciullo. Resta il fatto che l'etichetta è decisamente fuori dagli schemi. Non molto compiuta nel senso del packaging professionale, ma certamente dotata di originalità e di conseguenza di un'ottima visibilità. Sono quelle che amiamo definire come "etichette-gioco". Certo il design delle bottiglie di vino non dovrebbe essere mai un gioco, ma spesso, soprattutto i piccoli produttori lo prendono come tale e in questo caso sono parzialmente scusati. Soprattutto se non hanno problemi di sorta a vendere le poche bottiglie/anno che producono. 

Una Volpe Sfuggente nel Tavoliere delle Puglie

marketing illustrazione viticoltura
Sogno di Volpe, Bombino Bianco, Cantina Ariano.

Ci risiamo con la volpe. La favola che narra della sua nota frustrazione è spesso protagonista concettuale di etichette e nomi di vini. In questo caso si tratta di un nome di linea della Cantina Ariano di San Severo, provincia di Foggia. Una linea di vini biologici che comprende un bianco (da Bombino Bianco), un rosato (da Montepulciano d'Abruzzo) e un rosso (idem). Da notare che recentemente l'etichetta è stata aggiornata togliendo una sagoma intagliata sulla destra (visibile nell'immagine della bottiglia intera, qui a destra in basso) che francamente risultava indecifrabile (una volpe, sempre lei, molto probabilmente).
branding marketing enologia
È interessante e opportuna la citazione, tornando brevemente alla mitologia, che il produttore pubblica nel proprio sito web: “Nondum matura est, nolo acerbam sumere”. Aggiungendo: "...dalla celebre favola di Fedro ad un sogno diventa realtà; quel grappolo troppo bello ed inarrivabile per la volpe è diventato il simbolo della nostra linea biologica." (c'è un impiccio nella frase ma noi la riportiamo così come l'abbiamo trovata nel sito). Utile spiegazione che giustifica l'adozione del nome e valorizza la linea dei vini. Passando ad una veloce analisi del design dell'etichetta possiamo dire che a nostro modesto parere la grafica non sembra "risolta" in modo armonico pur riportando almeno uno spunto concettuale interessante: il movimento ondulato del taglio superiore dell'etichetta, che riconduce alle colline (o forse al mare, siamo nel Gargano) e che riprende il medesimo "andamento" riscontrabile nella piccola illustrazione al centro che a sua volta può ricordare, anch'essa in modo forse troppo sintetico, colline, vigne e (sembra) un rudere storico della zona (o di nuovo la volpe?). Diciamo che il tutto è "a libera interpretazione". Il marchio aziendale, in alto, rimarca semplicemente le lettere "C" e "A" di Cantina Ariano.

Adamo ed Eva sulle Sponde del Lago Maggiore

branding comunicazione illustrazione
Mott Carè, Passito (Malvasia Aromatica), 
Cascina Piano.

Un'etichetta molto particolare, sotto diversi punti di vista. Salta all'occhio innanzitutto l'illustrazione di un Adamo ed Eva nell'Eden con regolamentare serpente accompagnatore. Poi il nome, pseudo-dialettale. Infine quello strano logo rotondo (dovrebbe essere un acino d'uva stilizzato). Ma vediamo cosa dice il produttore nella scheda relativa a questo suo vino (e dice molto, cosa che non avviene spesso, purtroppo, nel panorama vinicolo italico).  Riguardo al nome: "Mott Carè" è denominata una delle colline degradanti verso la località Uponne nel comune di Ranco posta alla periferia nord-est di Angera (Lago Maggiore). Su questo motto (che sta per "collina") è ubicato il vigneto dove nacque e venne sperimentato l’omonimo vino. Detto anche “il boeuc”, il piccolo vigneto che ha dato origine alla sperimentazione ha visto nascere il fiore all’occhiello di Cascina Piano quasi per una casualità trasformatasi in un’ottima intuizione creativa". Non tutto chiarissimo ma certamente descrittivo, è già molto. Poi si prosegue riguardo il disegno: "L’etichetta ritrae un affresco della chiesa parrocchiale di Angera che raffigura la cacciata di Adamo ed Eva dal paradiso terrestre. La tentazione è l’elemento che lega questo particolare vino dolce con il fatto biblico ritratto nell’affresco". Il produttore chiude la scheda con un simpatico proverbio in dialetto: "La mama e la fiola a bevan al vin bùn e la poeura neura ga fan vusma al biscùn". Peccato che non c'è l'esatta traduzione, in particolare della parola "biscùn" che in rete viene definita sia come "cespuglio", sia come "biscione". Stiamo indagando. A presto gli aggiornamenti del caso.



Nome Conservativo, Design Evolutivo.

branding comunicazione
Rovej, Vino Rosso, Enrico Druetto.

Della lettera "j", utilizzata ancora oggi nelle forme dialettali piemontesi, abbiamo già parlato. Unitamente a sottolineare la presenza della medesima in alcuni cognomi storici della regione. Ecco un altro esempio, enfatizzato dal fatto che questa azienda ha dato ai propri vini tutti nomi che contengono questa lettera. Una modalità che nel resto d'Italia porta a percezioni "esterofile". Innanzitutto serve chiarire che la pronuncia è quella di una "i" normale. E non come nelle lingue anglosassoni, a generare una specie di "g". Certo, la presenza della "j" potrebbe indurre, in chi non è piemontese di origine, qualche dubbio sulla modalità di pronuncia. Questo è un rischio reale. Ma vediamo i nomi in questione. Rovej, come spiega il produttore nel proprio sito internet, "...in piemontese, significa “rovi”. Da vigne abbandonate, avvolte dai rovi, sono state prelevate le gemme per per realizzare le attuali vigne". Nella gamma di questa azienda troviamo anche il "Morej" che in piemontese significa moro o scuro, poi abbiamo "Preja" che "...in piemontese, significa pietra. Proprio su una pietra affiorante è stata ritrovata l’ultima vite di Baratuciat da cui ho prelevato le gemme per realizzare le attuali vigne", afferma il produttore. Qualche parola anche sul design delle etichette, molto, ma molto, lineari, semplici, dirette, diciamo "senza fronzoli", quindi piuttosto spartane. Fondi colorati piatti, il nome del vino e quello del produttore sul fronte e poche righe sul retro. Estremismo di sintesi o sintesi estrema che dir si voglia. Nota di merito per quanto riguarda il carattere di scrittura. Originale, molto leggibile, moderno, gradevole.

Evidenti Esortazioni Esclamative

branding marketing comunicazioneMonferrato Rosso, Gianni Doglia.

Cosa ci può essere di più attenzionale di un punto esclamativo rosso a tutta grandezza? Eppure questa etichetta non ci convince fino in fondo. Si tratta del Monferrato Rosso di un produttore astigiano, da vitigno Merlot al 100%. Sembra perfino troppo facile. Ma vediamo cosa può trasmettere un'etichetta di questo genere. Certo si fa notare, grazie anche al colore rosso su fondo scuro (praticamente nero). È aggressiva, si impone, così come un verbo affermato all'imperativo. Con tanto di punto esclamativo. Quindi abbiamo una attenzionalità che si trasforma rapidamente in aggressività. Vuole primeggiare. Essere importante. Ma di fatto cerca di acquisire importanza con tracotanza. Come farebbe una persona che vuole farsi notare a tutti i costi, magari con un abbigliamento sfarzoso o dissacrante e per di più si presenta parlando a gran voce e affermando ai quattro venti di essere migliore di altre. O come certe pubblicità che sfruttano elementi "ancestrali" o provocanti per attirare attenzione a tutti i costi, nel bene e nel male. Si tratta di una strategia che può pagare in termini di distintività ottica, ma non fondandosi su qualcosa di concettualmente strutturato rischia di lasciare il tempo che trova. Cioè di non costruire sul futuro con i "fondamentali". 

Garagisti del Naming alla Conquista del Mondo

branding comunicazione mktg
Tre Comuni, Barolo, Cà Rozzeria.

Si fa molta fatica a credere che questo nome aziendale non sia volutamente ironico. Perché se fosse non voluto saremmo di fronte a un clamoroso caso di inciampo fonetico e semantico. A parziale discolpa di questo nome, che subito fa molto "garagista", si tratta di una operazione commerciale di export non destinata quindi al mercato italiano. Non è neppure facile reperire in rete chi propone questi vini. Di fatto sono per il mercato mondiale, ma regolarmente prodotti a norma dei relativi disciplinari italiani. "Cà Rozzeria" dicevamo. Sembra davvero una presa per i fondelli nei confronti dei mercati esteri che certamente, al volo, non riconducono il nome a una officina (ma se vanno a cercare la traduzione potrebbero accorgersene). Tra l'altro anche non volendo interpretare il nome unendo le due parole, la sola accezione "rozzeria" non ne uscirebbe bene. Inspiegabile, per certi versi. Ma tutto vero e riscontrabile rapidamente on-line.
marketing logo branding
Non si sa se riconoscere agli autori una certa dose di umorismo e quindi sorridere o scuotere la testa sconsolatamente. Ma probabilmente è proprio questa la forza di questo nome, queste le sue reali intenzioni. Far discutere e in ogni caso far parlare di sé. Per il resto il design dell'etichetta è molto semplice, lineare, scontato, ordinato e pulito ma sterile. Sembra quasi che anche il packaging sia stato progettato e realizzato in modo spartano per attirare tutta l'attenzione sul nome, posto in alto in grande evidenza e in colore rossastro. A latere, i commenti stranieri sulla qualità dei vini di questa azienda misteriosa (e fors'anche ironica) non sono di grande entusiasmo. Probabilmente si tratta di una linea "media" destinata all'estero, come già detto prima. Resta inspiegabile l'origine del nome. Forse dove ora c'è la cantina di produzione prima c'era un lattoniere, un autolavaggio o un benzinaio. Chissà.