E se Viene il Magone, il Vino Stesso se lo Porta Via

branding storytelling grafica marketing comunicazione
Magone, Pinot Nero, Sergio Mottura.

Apprendiamo leggendo la scheda di questo vino nel sito del produttore che "Magone" è il nome del vigneto ("il più vecchio dell'azienda") dove maturano le uve del Pinot Nero laziale in esame. Ragioni storico-affettive-topografiche, quindi, hanno influito nella decisione di attribuire questo nome a questo vino. Ma vediamo cosa si trova, letteralmente, di fronte un potenziale (nuovo) acquirente: la parola magone, se non immediatamente concepita come toponimo può portare a interpretazione come "un grande mago" o piuttosto alla definizione di uno stato d'animo che comunemente viene descritto come "avere il magone". Infatti Treccani alla voce corrispondente afferma: "(dal germ. mago), region. - 1. parte dello stomaco del pollo, nella quale viene triturato il cibo, ventriglio. 2. (fig.) condizione di sofferenza psichica, che si manifesta come un peso sullo stomaco, spec. nell'espressione avere il magone." Il sito specializzato in etimo e semantica che si chiama "Una Parola al Giorno" dice: "Stomaco, specie del pollo; peso, accoramento (dal longobardo: mago gozzo.)" e aggiunge "una scena triste e stupenda di un film, o l'acme di una tragedia a teatro, o una musica sublime ci fanno venire il magone". Insomma la parola trasmette in primo luogo sensazioni legate a uno stato di malessere. Una condizione negativa che certamente il vino riuscirà, almeno in parte, ad annullare. Ma questo è un altro discorso. Graficamente l'etichetta è abbastanza anonima tranne che per la simpatica istrice, simbolo aziendale che si trova anche su tutte le altre etichette della gamma.

Nel Design Vale Tutto o Forse No

marketing branding grafica comunicazioneVal, Valpolicella Classico Superiore, Zýmē

naming packaging design etichette vinoL'azienda in analisi è partita (abbastanza) bene con il proprio logo, almeno a livello concettuale (come elaborato grafico un po' meno), ecco infatti il rational che si legge nel sito del produttore: "Il nome Zýmē proviene dal greco e significa “lievito”, elemento fondamentale nel mondo dell’enologia, ma anche elemento simbolico che richiama la naturalità, valore basilare nel percorso lavorativo ed esistenziale di Celestino Gaspari e il fermento, inteso come attitudine continua alla trasformazione. In sintonia con questa filosofia, il logo dell’azienda rappresenta una foglia di vite in cui è inscritto un pentagono, simbolo dei cinque elementi principali per la produzione del vino: uomo-vite-terra-sole-acqua". Ottimo. Uomo, Vite, Terra, Sole. C'è tutto. Ma graficamente, visualmente quindi, il logo stenta nell'essere "emblematico". In compenso la descrizione è coinvolgente. Per quanto riguarda le etichette di questa azienda vinicola veneta meglio dire che sono... migliorabili. Prendiamo come esempio quella di uno dei vini rappresentativi della gamma, e anche più commercializzati, il Valpolicella Classico Superiore. Macchia di colore uniforme, color vino praticamente, dove vengono applicate grafiche abbastanza incomprensibili. In alto a sinistra una "V" sembra includere un grappolo mentre un pennello, più in basso, sembra tracciare altre due lettere, a comporre quello che dovrebbe/potrebbe essere un nome: "Val". Sotto a questo "disegno" troviamo la definizione della tipologia di vino, corredata abbondantemente da puntini di sospensione. Alla base il logo aziendale con la foglia e il pentagono di cui abbiamo parlato all'inizio di questo post, e la firma del titolare piuttosto illeggibile. In generale una certa perplessità è d'obbligo.

Cupi e Dirupi sulle Montagne Altoatesine

grafica marketing branding etichette
Lamarein, Lagrein, Mayr-Unterganzner.

Si tratta di un caso in cui l'etichetta rispecchia fortemente il contenuto della bottiglia. La percezione che immediatamente si riceve da questo disegno, del quale nulla sappiamo, ma il gioco questa volta è proprio questo, è di cupo rimuginamento (da "rimuginare", sempre che il Devoto Oli lo consenta). Si ha la sensazione di un vorticare di oscuri pensieri o come minimo di una meditazione profonda e solitaria. Un uomo di sicuramente di montagna, forse paleolitico, dai tratti certo non aggraziati, viene raffigurato con tecnica al tratto o al carboncino, intento ad osservare picchi rocciosi e meteorologia avversa. Stiamo parlando di una etichetta di un produttore altoatesino, e di un vino dal carattere piuttosto arcigno, dal colore impenetrabile, di concentrazione quasi indecifrabile. Si tratta, tecnicamente, di un Lagrein (vitigno) molto selezionato in vigna e quindi lasciato appassire da
ottobre a Natale in soffitta. Non contenti di ciò viene "internato" in botti di rovere (barriques e tonneaux nuove) per almeno 16 mesi. Il risultato, dice chi ha assaggiato questa rarità prodotta in pochi esemplari, è sorprendente per intensità e coinvolgimento papillare. Certo il coinvolgimento attenzionale, dell'etichetta, tratta le sfere emozionali noir e introspettive. Può essere una chiave di "apertura" anche questa. Del nome (che si legge solo sul retro) nulla si sa, "Lamarein", se non che pur essendo dolce nella fonetica, assona con "amaro". E anche con "Lagrein", logicamente. Forse è questa la chiave di lettura. Le indagini sono in corso.

Eternità del Vino, Dentro e Fuori

branding storybranding marketing comunicazione
L'Eterno, Pinot Nero, Feudi del Pisciotto.

packaging grafica cultura arte illustrazioneGrazie alla competenza e alla passione dell'enoteca Sorso di Vino di Milano, abbiamo potuto scoprire e apprezzare questa etichetta di un noto e qualificato produttore siciliano. Si tratta di un packaging che appartiene senza dubbio alla categoria "etichette d'arte". Etichette che oltre a parlare del vino che rappresentano, riescono ad offrire anche una prospettiva culturale. In questo caso il nome e l'immagine riportate sul fronte della bottiglia fanno riferimento a un'opera scultorea dell'artista Giacomo Serpotta (1656-1732) il cui restauro è stato co-finanziato dall'azienda vinicola in questione. Il titolo dell'opera è "L'Eterno", parola in grado di evocare spazi infiniti, mnemonici, temporali, forse quantistici, ma rimanendo con i piedi ben piantati in vigna, questo nome e quel gesto ritratto nell'indicare, o se vogliamo nel cogliere, possono calzare per sostenere l'espressione gustativa di un vino che dentro di sé ha una sorta di eternità ancestrale. Terra, tradizioni, cultura, civiltà, storia, un susseguirsi ed inseguirsi di eventi, soprattutto in Sicilia, dove la vite è sempre stata sollievo e testimonianza di natura e umanità. Resta da aggiungere che questo Pinot Nero, secondo gli esperti, fa il pelo e contropelo a certi costosissimi vini di Borgogna, con buona pace dei francesi che la Sicilia, in un antico passato, l'hanno conosciuta e anche un po' bistrattata.

Un Goccio di Stile Dialettale

branding wine marketing comunicazione
È got, Merlot e Sangiovese, Cevico Group.

storybranding branding brandawarenessQuesta linea di vini, che comprende, oltre al blend Merlot e Sangiovese (qui ritratto nella versione screw-cap per l'export e in quella classica col sughero), anche un Trebbiano e Chardonnay e un Rosé, presenta un design molto spartano, pulito, quasi etereo, se non fosse per il nome del vino (della linea in questo caso) e il carattere con il quale è scritto. Citiamo subito il produttore, al riguardo: "E' Got è il tipico bicchiere di vino in dialetto romagnolo; racchiude l'unità di misura per eccellenza per degustare un buon vino, ampio, che lasci passare i profumi ma non troppo capace, che lasci il desiderio all'ultimo sorso". Traducibile in "un goccio", aggiungiamo noi. Il carattere di scrittura ha uno stile "a mano" e si espone con un inchiostro speciale dorato (che sembrerebbe anche specchiato). Si incontrano qui (o si scontrano) lo stile campagnolo, dialettale del nome, con un design modernista, da arte contemporanea. L'impatto a scaffale c'è, in quanto la bottiglia si fa certamente notare anche a distanza. Il nome lascia un attimo di perplessità: poco intelleggibile, soprattutto dal punto di vista semantico. Problema, come spesso abbiamo detto, comune a tutte le  accezioni dialettali utilizzate come nomi.

Duri e Puri, in Favore Della Vernaccia Tradizionale

storybranding branding comunicazione wine
'ppiccato, Marche Rosso Passito 
(Vernaccia di Serrapetrona), Fattoria Duri.

marketing immagine comunicazione arcaniIn quel crogiuolo di vitigni, usi, costumi e tradizioni del nostro bel paese, l'Italia intera, è possibile scoprire una delizia al giorno per anni e anni. Basta girare di regione in regione, di provincia in provincia, di paese in paese. Il piccolo borgo in questione è, questa volta, Serrapetrona, in provincia di Macerata, nelle Marche. Le sottovalutate e bellissime Marche. Qui cresce e viene lavorato un vitigno poco noto fuori dai confini regionali che si chiama Vernaccia Nera. In pratica, la Vernaccia di Serrapetrona, vinificata in maggior parte come Docg in versione spumantizzata e anche come Doc Serrapetrona nella tipologia vino rosso fermo. La Vernaccia di Serrapetrona si presta inoltre ad essere vinificata come passito da fine pasto o da "meditazione" come negli ultimi anni è di moda definire. Ci sono molti modi di ottenere un passito, cioè di fare appassire l'uva così che si possa verificare una concentrazione naturale di sapori e zuccheri. Parleremo in particolare del passito fiore all'occhiello della Fattoria Duri ottenuto secondo una modalità tra le più... dure. E anche più costose in termini di tempo e fatica. Le uve infatti vengono appese su canne naturali per evitare che possano entrare in contatto né tra un grappolo e l'altro, né tra gli acini e altre superfici. Da qui nasce il nome di questo vino, "'ppiccato", nome che ricorda foneticamente (e figuratamente) l'Impiccato degli Arcani Maggiori che per i Tarocchi di Marsiglia, in francese, sarebbe "Le Pendu", il numero XII. Niente di drammatico, nemmeno in quel caso, perché il significato, il senso da cogliere è: "attaccato su", "appeso", più che impiccato. La forma dialettale fa il resto, connotando tale modalità di appassimento con forza semantica e iconografica. Riassumendo, la modalità di produzione prevede la raccolta manuale dei grappoli migliori in vigna, quelli intatti, maturi, perfetti. Il trasporto in cassette separate fino al locale apposito adibito all'appassimento (che alla Fattoria Duri hanno ribattezzato "Galleria del Vento", perché dotato di ventilatori sempre in funzione). Infine la pazienza per appendere uno ad uno i grappoli e poi l'attesa: da 5 a 6 mesi prima di torchiare l'uva. Nell'etichetta del passito di Fattoria Duri, dove appare il nome del vino in verticale a grandi lettere, viene anche rappresentato un grappolo ancora fornito del proprio tralcetto superiore (lasciato affinché possa essere appeso stabilmente). Si tratta di un'etichetta semplice, schietta, come il carattere degli abitanti di quelle zone, che nasconde però un vino complesso e ricco di personalità, con sfumature organolettiche da estasi enogastronomica. Alla salute delle Marche e delle splendide tradizioni d'Italia.

Nome Sferzante in Etichetta Elegante

branding storybranding comunicazione
Ferzo, Abruzzo Pecorino Superiore, Citra.

branding grafica marketing storytellingLa nota e strutturata azienda Citra Vini ha dato vita a una linea di vini autoctoni che si chiama "Ferzo". Il nome, spigoloso, sferzante, tagliente, trova subito riscontro nella cartotecnica dell'etichetta, davvero particolare, ed esattamente definibile come irregolare. Angoli sporgenti rappresentano vele di barche d'alto mare e infatti tutto il concept del design si basa sul nome di una particella di una vela, che insieme ad altre compone poi una forma adatta alla fruizione dei venti e quindi alla navigazione. Pezzi di vela come appezzamenti di vigna, a comporre il frastagliato panorama vitivinicolo abruzzese, fatto di piccole parti come accade storicamente e ancora oggi in molte altre zone d'Italia. La linea "Ferzo" comprende, oltre al Pecorino, anche la Cococciola, la Passerina, il Montepulciano e il Cerasuolo d'Abruzzo. I tagli delle etichette sono tutti diversi così come sono diversi gli autoctoni abruzzesi protagonisti di questa linea. Questo ha rappresentato sicuramente voci di costo maggiori per l'azienda (rispetto al produrre un solo "taglio" di etichetta) ma il valore aggiunto a livello di immagine è significativo. Unica immagine nella grafica dell'etichetta è un tratto in bianco e nero di un veliero. Eleganza, semplicità, storybranding: tre elementi che possono ampliare in modo più che proporzionale la percezione semantica e quindi il successo estetico, oltre che qualitativo, di questi vini.

Lettere che Tracciano Segni nella Mente

winemakers winelbels winedesignK, Merlot, Edi Keber.

marketing comunicazioneQuesto produttore che ha sede in un angolo d'Italia all'estremo Est del paese, nel così detto Collio, ha puntato tutto su una lettera: l'iniziale del proprio cognome. Il cognome, Keber, come è facilmente intuibile, viene dall'altra parte del confine, dalla Slovenia e scavando nelle dinastie probabilmente anche più in là, verso gli estesi confini che segnarono le conquiste dell'Impero Austro-Ungarico. A noi qui importa che una lettera, la "K", è diventata marchio. Molto distintivo, tra l'altro. La lettera in questione non è stata scritta con caratteri tipografici bensì tratteggiata con i rapidi segni di un pennello. Campeggia su tutte le bottiglie dell'azienda e giustamente viene utilizzata ovunque: non solo nel pac(K)aging ma anche per la comunicazione e il mar(K)eting in generale. Anche nel sito aziendale, piuttosto originale, la K di Keber ha un ruolo da protagonista e si fa vedere in mille modi e colori dominando la scena. Se vogliamo, le etichette dei vini sono abbastanza spoglie: fondo a tinta piatta, la grande K al centro, il cognome del produttore per esteso, il suo nome "Edi" in modalità firma autografa e il nome del vitigno alla base del fronte etichetta (sul retro vengono raggruppate tutti gli altri dati e le menzioni di legge). Ma la semplicità dell'etichetta non preclude, anzi enfatizza, l'efficacia di questo segno preminente. Un mossa da esperti comunicatori, pensata e realizzata da un uomo (illuminato) che si definisce orgogliosamente "un contadino". Insomma la K non scappa.

Geologismi che Diventano Nome

branding concept grafica comunicazione
Ciuèt, Coste della Sesia Nebbiolo, Pietro Cassina.

C'è una zona nell'Alto Piemonte (anzi, più di una) dove il Nebbiolo cresce bene e si fa valere (a livello commerciale non così tanto come il Barolo e il Barbaresco) e conoscere per la qualità dei vini che ivi si producono. A Lessona infatti pochi validi produttori (sono pochi in generale) immettono sul mercato vini di spessore. In tutti i sensi. È la terra che fa la differenza, oltre alla "nobiltà" del vitigno, il Nebbiolo, ritenuto da molti il "Re d'Italia". E dalla terra infatti prende il nome questo vino, ufficialmente della tipologia Coste della Sesia, che si chiama "Ciuèt". Ecco cosa significa questo nome, spiegato da un sito di vendita on-line di vini italiani: "the Nebbiolo grapes used for this wine are grown in an area of the vineyard that has a greater concentration of sandy-clay, also known as Ciuèt, hence the name of this wine". Si tratta di dialetto, è chiaro. Come molte volte accade, soprattutto in un Piemonte ancora molto tradizionalista, i nomi vengono "presi" dal volgo locale, da idiomi dialettali, modi di dire, proverbi e via dicendo. In questo caso il nome compensa la propria incomprensibilità al di fuori dalla zona di origine, con una brevità e una fonetica che aiutano la comunicazione. Almeno questo. Cosa dire infine del resto? L'etichetta è piuttosto elementare: parole centrate su fondo chiaro, nome ben leggibile in rosso (bene), unica concessione a un briciolo di emozione è quell'onda sotto al nome del titolare che simula, crediamo, delle colline vitate e l'opportuna citazione del "lieu-dit": Lessona. Il vino nel calice farà certo di meglio.

Storicità Modernista e Packaging Auto-Ironico

Pandolfo, Sangiovese di Romagna, La Pandolfa.

grafica branding comunicazione

L'azienda vitivinicola che ha creato queste etichette è stata doppiamente coraggiosa: ha adottato un design insolito e "ingaggiante", fuori dagli schemi, e lo ha fatto prendendosi un po' in giro. Infatti i personaggi che vengono rappresentati e citati nelle etichette dei vini della gamma proposta al pubblico, sono dei nobili che hanno avuto trascorsi significativi in quella zona. In particolare Sigismondo Pandolfo Malatesta, detto "il Lupo di Rimini" noto per aver assaltato nel 1400 il Castello di Fiumana. La tenuta, che appartiente ai Marchesi Albicini per un lungo periodo (1626-1941), viene in seguito acquisita dalla Famiglia Ricci che ancora oggi (quarta generazione) la gestisce. I tre nobili raffigurati con colori molto forti sono quindi Pandolfo (che si ripete nella versione Riserva), un tale Battista (che a dire il vero sembra essere una donna) e Federico. Nomi altisonanti che in questa elaborazione hanno ricevuto "in dono" nasi da pupazzi di neve, occhi strabuzzati e zigomi pomellati da clown. Una modalità grafica decisamente dissacrante o, come minimo, molto ironica. Certo siamo in Romagna, provincia di Forlì-Cesena, e si sa che il carattere di quelle genti è decisamente ridanciano. Scappa un sorriso e anche di più. Dal canto loro le etichette, come scritto nelle prime righe di questo articolo, sono molto originali e cromaticamente attenzionali. Le nostre preferenze vanno a Pandolfo e in particolare al suo taglio di capelli. 

Un Pinot Nero Molto Ben Quotato

branding marketing comunicazione
Q500, Pinot Nero, 
Azienda Agricola Baldessari.

Paolo Conte recita "...e i francesi ci rispettano che le balle ancora gli girano" cantando allegramente di ciclismo eroico nel brano dedicato a Bartali. Perché è vero che i francesi ci guardano con ammirazione (spesso malcelata) anche nel mondo del vino. Lo sanno che sui rossi (come nel ciclismo) siamo competitivi, forse i migliori al mondo, noi italiani. E allora come e dove produrre un Pinot "Noir" che possa competere con quelli di Borgogna? La risposta è: in quota, sia essa latitudine o altezza sul livello del mare. Il Pinot Nero, a quanto pare, ha bisogno, più di altri vitigni, delle escursioni termiche che solo un clima fresco può assicurare (in ogni caso tra giorno e notte). Ed ecco quindi l'etichetta di un Pinot Nero trentino, ottenuto da vigneti posizionati, come è facilmente intuibile, a 500 mt di altezza (a Est della città di Trento, frazione Povo). Il nome del vino infatti, "Q500", allude chiaramente a questa condizione pedemontana. Girano quindi tutti attorno al nome gli elementi di questa etichetta molto semplice: il concept, il design stesso, i colori, la grafica. Vengono utilizzati in modo forse un po' "sfacciato" i colori rosso e nero su sfondo bianco: da manuale di comunicazione, sono le combinazioni cromatiche più attenzionali, lo dicono le ricerche scientifiche. E allora parole grandi, colori forti, intenzioni chiare, messaggio efficace. Certo non viene lasciato molto agire all'eleganza e all'emozione raffinata, ma è il risultato quello che conta. O no? P.S.: dicono che il vino sia molto buono. Piace e dispiace molto anche ai francesi. Photo credits: @vaniagram

Francia, Egitto, Geroglifici e Comunicazione

winedesign grafica branding comunicazione12 Cloud, Chardonnay, Domaine Prieure Roch.

marketing packaging grafica illustrazioneGrazie alla nostra amica Claudia, ottima esploratrice di etichette e di bellezza della vita in generale, scopriamo questo produttore davvero "iconografico". Le etichette non sono belle bisogna dirlo subito: ripetitive (sono tutte uguali nel simbolo in basso, cambia solo la scritta sopra di esso che spesso non è un nome ma semplicemente la definizione del vigneto/zona), sterili, enigmatiche, poco emozionanti, se non si conosce dettagliatamente la storia che le ha generate. Dunque, il produttore è francese, e opera in quella zona prestigiosa (Borgogna) dove ogni piccola parcella di vigna ha un nome, spesso altisonante (o quanto meno intrigante, come sanno fare bene i francesi del vino). Ettari spezzettati con rese molto basse che generano vini costosi. Così è, se vi piace, in quella parte di mondo enologico. Il titolare prima dell'attuale attività (iniziata attorno al 1990) ha vissuto in Egitto nella Valle del Nilo dove ha scoperto l'iconografia criptica che ha deciso di raffigurare sulla proprie etichette in Francia. È interessante leggere il "rational" che si trova nel sito del produttore, insieme ad una coinvolgente filosofia aziendale, e che riguarda i simboli dell'iconografia egizia in questione: "The symbol or “crest” of the domain of Prieuré Roch, presented on its wine labels, borrows from the wine-making hieroglyph of ancient Egypt. Before the creation of the domain in 1988, Henry Frédéric Roch had previously lived and worked in the Nile Valley, had found in the composition of this hieroglyph a true expression of the values which he intended to carry high whilst developing culture and vinification according to entirely ‘natural” methods, which were at that time “avant-garde” in Burgundy. The glyph of the two yellow “mouths” at the top, the upper representing the divine eye corresponding to the powers which are beyond us: the powers of nature, the region, the weather, all shaping the vintage, below, the human eye, the power which knows itself as being limited, which receives, acknowledges, respects and protects that which comes from the other. Below that, the three egg shapes symbolizing grapes, all different, unique, this primary material of vinification where the Burgundy vigneron selects the distinguished “millerandés”, the smallest, most concentrated berries from which the finest wines are produced. To the side, the papyrus leaf symbolizes both vegetation and the work of the scribe which records and rules human actions, which decant the movement of time. The "Roch" name adorns the base, more than just a signature, it designates those, who up to now, are responsible for these values: the team of the domain, and further, the friends who share and cherish them". Cosa dire? Chapeau per la filosofia. Perplessità per il design. Rispetto per gli antichi egizi e il loro modo di comunicare, molto di sintesi, con i geroglifici. 

Dalle Marche alla Toscana (fino all'Etna) il Passo è Breve

branding concept storytelling
Guardoilvento (e N'anticchia), 
Nerello Mascalese, Tenuta delle Macchie.

concept branding marketing comunicazioneLa storia, diciamo il percorso, di questa azienda vinicola è complesso, così come il nome di questo vino, sia pure nella sua semplicità. Ed è questo il bello. Andiamo con ordine: Pietro Caciorgna fa parte di una famiglia originaria delle Marche, che ha scoperto che la Toscana è ancora più bella (le Marche sono bellissime, sia chiaro) trasferendosi a Casole d'Elsa (effettivamente una delle zone più paesaggistiche del centro Italia) e acquistando un casale dove varie attività agricole sono state portate avanti dal 1953 a oggi. Compresa la produzione di vino, Sangiovese naturalmente. La cantina è giovane come produzione (solo poche vendemmie negli annali) ma la voglia di sperimentare è tanta. Quindi l'ecquisto di vigneti sull'Etna per approcciare un altro grande vitigno, il Nerello Mascalese. Inizia così, grazie anche all'amicizia e al supporto logistico di un noto produttore siciliano, Tenuta delle Terre Nere, una nuova avventura vinicola. Infatti l'azienda di Pietro Caciorgna raccoglie sull'Etna uve proprie ma vinifica, per ora, nella cantina di Terre Nere. Veniamo al nome del vino: "Guardo il vento" o "Guardoilvento" tutto attaccato, come scritto in etichetta. Bella citazione (del titolo di un romanzo di Francesco Antonelli), evocativa al massimo. Cosa significa guardare il vento? Niente e molto al tempo stesso. Significa vedere e respirare al tempo stesso. Godere di uno dei fenomeni più poetici della natura, il vento, che tra l'altro è medicina per la vite e l'uva. E i vignaioli lo sanno bene. A tal proposito il produttore aggiunge: "Il nome del vino rappresenta l’immagine della vite coltivata ad alberello che viene attraversata in tutte le direzioni dal vento, talvolta accarezzata dolcemente per darle sollievo, talvolta sferzata da una forza violenta. Ma lei, la vite, con le sue radici ben ancorate alla terra che la nutre, e stretta al palo al quale l’uomo l’ha affidata, resta lì a guardare ed ascoltare quel vento, che è anche salubrità, è qualità". L'azienda produce anche un altro vino da Nerello Mascalese, che si chiama "N'anticchia". Nome questa volta in dialetto siciliano, che significa "un pochino", vista l'esigua produzione, di nicchia, di questo vino. Passione per il vino, non solo a livello produttivo, ma anche storico, culturale, letterario e letterale si riscontrano così nelle etichette di questo produttore.

Farsetto e Dialetto (Piemontese)

grafica comunicazione marketing immagine illustrazione
Fanciotein e Farfuien, Cortese e Barbera, 
Cà ed Cerutti.

branding grafica comunicazioneFarsa, simpatia, folklore... mettiamola così. I nomi in dialetto hanno un problema di pronunciabilità fuori dai confini locali ma se evocano qualcosa di allegro possono risultare almeno gioviali. Si tratta,  in questo caso, dell'ennesimo esempio di nomi dialettali di vini che soprattutto in Piemonte sono molto frequenti. Chissà, forse si tratta di radicamento alle origini (che in Piemonte pescano un po' anche in Francia, forse l'uso "ufficiale" del dialetto locale è una forma di "ribellione" ai trascorsi linguistici francofoni, finta ribellione in quanto gli idiomi inevitabilmente si mescolano), forse si tratta della ferma volontà di manifestare la piemontesità come garanzia di qualità. Vediamo comunque cosa significano questi due nomi, "Fanciotein" e "Farfuien". Riferisce il produttore nel proprio sito internet che il primo è "ragazzino", "fanciulletto" mentre il secondo è riferito alle "numerose farfalle che popolano i vigneti di Barbera". I due nomi si somigliano, foneticamente, ma i significati sono diversi. Entrambi evocano comunque immagini belle, solari, allegre, colorate, positive, di gioco, di luce, di magia. Per quanto riguarda le due etichette, il design, ci sarebbe da soprassedere, in quanto risultano davvero "minimali". Un disegno e le scritte centrate, è tutto. Notiamo comunque che il disegno del primo vino è coerente con il nome: si vede un ragazzino con una carriola e dentro ci sono due cani. Nel secondo non troviamo connessioni con il nome: sembra un disegno artistico di un bacco e di una giovane donna in una vigna. Diciamo allora che si tratta di due etichette "genuine", e tanto deve bastare (e probabialmente basta al produttore stesso). Ultima considerazione, per chiudere il cerchio sulla questione dialetto: anche il nome dell'azienda è in vernacolo piemontese: "Cà ed Cerutti", cioè la Casa del Cerutti (Bruno Cerutti per l'esattezza), dove "ed" altro non è che il ribaltamento di "del". Difficile però da cogliere per chi non è piemontese: sembra un errore.

Un Vino e un Nome che Non Lasciano l'Amaro in Bocca

branding grafica marketing logo
Sine Felle, Chianti Riserva, 
Azienda Agricola Moretti.

packaging naming etichette vinoSi tratta di etichette molto classiche e anche molto frequenti in Toscana, sia dalle parti di Montalcino sia nel Chianti Classimo o Geografico. Fondo nero, scritte centrate, stemma di famiglia. Si somigliano tutte. E queste non rompono di certo la regola. L'azienda produce Chianti, Toscana Rosso, Vin Santo e Passito. Lo stile è sempre quello. Abbiamo notato però quel nome "Sine Felle", chiaramente in latino, che viene così racconato nel sito del produttore: "è un "ex libris", della fine del '500, ritrovato durante la ristrutturazione della cantina. L'espressione si trova per la prima volta nel trattato di Cornelio Celso, famoso medico del primo secolo D.C. In senso traslato significa "senza amarezza", motto che ben si addice ai nostri vini dove la morbidezza è il denominatore comune". Interessante e non così scontato l'utilizzo di un ex libris come logo e come racconto. Denota storia, cultura, ricerca, radicamento, prestigio. Bello anche il significato, quel "senza amarezza" che potrebbe essere sì riferito alle qualità organolettiche del vino ma anche a qualcosa di filosofico, comportamentale, caratteriale. Il marchio (che vede il tratto di un'aquila o sparviero) viene riportato centralmente su tutte le etichette dell'azienda, con cromatismi diversi, e diventa così un segno distintivo. 

Ma Davvero Questo Vino si Chiama "DaVero"?

marketing comunicazione branding
DaVero, Barbera Rosato,
DaVero Farms and Winery.

Il galletto in etichetta è un riferimento francese (lo usano anche quelli del Chianti Gallo Nero, però lì c'è dietro una storia), mentre lo psudo-nome di questo vino richiama echi italiani, così come la definizione del prodotto: Barbera Rosato. Cosa è successo quindi? Come giustificare la "mescolanza" di stimoli ottici e verbali che questa etichetta trasmette? DaVero è anche il nome dell'azienda e sembra proprio che si tratti di una specie di neologismo che possa risultare foneticamente italianizzante (il titolare dell'azienda è un uomo d'affari americano dal cognome anglofono). Poi: la decisione di definire i vini nella dizione italiana (Barbera, Sangiovese, Sagrantino etc... le produzioni dell'azienda coprono un totale di 7 vitigni di origine italiana) affiancandoli a parole come "rosato" in questo caso, attiene sempre al richiamare toni mediterranei, come dichiarato nelle retro-etichette dal produttore. Il galletto fa molto fattoria e forse gli americani non lo ricollegano alla Francia come è invece facile per noi. Questioni culturali: Europa e America sono due continenti che distano ormai solo poche ore di volo ma centinaia di anni di storia, e questi ultimi non si colmano velcocemente. Forse mai. In generale: etichetta che cromaticamente (otticamente) colpisce essendo dotata di una propria originalità (le striature). Nome ben chiaro su tassello nero (ma quel DaVero con una sola "v" disturba un po' noi italiani, proabilmente in Usa la prendono più alla leggera). Galletto ruspante a definire la genuinità. Insomma, in America ci provano. Ci imitano. Perché ci amano.

Un Barolo che Nasce da un Bricco Molto Caro

grafica branding marketing comunicazione
Carobric, Barolo, Paolo Scavino.

I piemontesi in generale e soprattutto i barolisti amano sfoggiare i nomi dei loro "bric", i bricchi, le sommità delle colline delle Langhe dove indubbiamente la vite cresce e matura meglio che in altre zone. Di bric e bricchi se ne leggono di tutte le dizioni sulle etichette di quella zona e anche il produttore qui in analisi ne ha diverse (Bric del Fiasc, Bricco Ambrogio, etc.). In questo caso, il vino che vediamo qui fotografato, si chiama "Carobric". Il produttore è uno di quelli di nome e di fama indiscutibili a livello qualitativo. Certo che chiamare un Barolo che costa variabilmente tra i 50 e i 75 Euro (on-line) "Carobric" potrebbe indurre qualche considerazione, se non qualche battuta, non positiva per il prodotto stesso. "Buono ma caro, il Barolo Carobric..." sarebbe il minimo, tra un calice a l'altro in qualche trattoria langhigiana (o "langhetta" che dir si voglia). Certamente "caro" ha anche altri significati, oltre a quello toponomastico e storico: caro è qualcosa a cui si tiene molto, caro è un parente, un amico, caro è una forma molto usata per dire "affettuoso", amato, adorato. Ma è anche accezione molto diffusa per parlare di qualcosa di molto costoso: "è caro". La percezione e l'uso della lingua parlata è un dedalo all'interno del quale è bene sapersi orientare. Senza lasciare nulla al caso... o al caro.

Imperfezioni che Comunicano Simpatia

Palistorti e Querce Gobbe, Blend di Rossi 
e Merlot, Ternuta di Valgiano e Petra Wine.

È una gara all'imperfezione più originale quella ingaggiata per il naming da queste due etichette toscane: tra "Palistorti" e "Querce Gobbe" non si sa cosa scegliere. Per simpatia voteremmo per le querce gobbe ma anche i pali storti hanno la loro goffa personalità. Per la cronaca il primo è un Colline Lucchesi Doc composto da Sangiovese (70%), Merlot (20%) e Syrah 10%. Il secondo è un Merlot in purezza del quale il produttore dice: "porta il nome della vigna che lo produce, Quercegobbe, posta ai margini della macchia mediterranea e orientata verso il mare". Sono due nomi che in ogni caso incuriosiscono e parlano dei luoghi di produzione, quindi bene. Originalità e territorialità. Per quanto riguarda le etichette: quella di Palistorti è estremamente lineare e pulita, forse troppo restìa nel comunicare. Inoltre adotta nelle diciture di legge, in basso, un fastidioso verde quasi fluorescente e poco leggibile. Querce Gobbe presenta un'etichetta molto classica con un disegno che riproduce l'ingresso della cantina di design che l'azienda ha edificato a nuovo. Nome in rosso su etichetta in bianco e nero: otticamente perfetto.

Essenziale. Pulito. Preciso. Punto.

Virgola, Syrah, Azienda Agricola Punto Zero.

Questa azienda veneta, in provincia di Padova, sui Colli Berici, si chiama Puntozero. Ci ha colpito l'estrema sintesi visiva delle etichette. Certamente frutto di uno studio, sia pure nella loro espressione semplice e lineare. Le etichette della gamma sono tutte caratterizzate da punti "ottici" di diverso colore. Il Merlot, in particolare si chiama "Punto", rimarcando il nome aziendale. C'è anche un Syrah che si chiama Virgola, ma gli altri vini non continuano con le "punteggiature": abbiamo "Trasparenza" (Pinot Bianco), "Idea" (Cabernet Sauvignon) e "Dimezzo" (blend di rossi). L'etichetta è monocolore (così come sono da monovitigno 4 vini su 5) e al centro di questo spazio che sembra infinito c'è un punto. Alla base il nome aziendale, nel basso dell'etichetta il nome del vino e il vitigno. Stop. Anzi si dovrebbe proprio dire, punto. Rimane da annotare che questo cromatismo assoluto a scaffale può funzionare. Trasmette eleganza, rigore, precisione. Caratteristiche che valorizzano i prodotti dell'azienda ancora prima di stappare le bottiglie e assaggiare. E questo è proprio quello che deve fare un'etichetta.
naming concept branding comunicazione

Stiamo Insieme Sotto al Vulcano

grafica branding comunicazione
'nzemmula, Nerello Mascalese, 
Vini Ferrara Sardo.

naming concept branding Questo piccolo produttore che opera alle pendici del'Etna e che si chiama "Vini" Ferrara Sardo, in realtà, per ora, di vino ne ha solo uno. Ed è quello che vedete in queste foto. In un mondo fatto di degustazioni con centinaia di vini in catalogo e di aziende che producono infinite tipologie di vini (spesso "uscendo dal seminato" per motivi commerciali), produrre un solo vino (e farlo bene) diventa una nota di merito. Un plauso va a questo produttore anche per l'etichetta: piuttosto stereotipata, se vogliamo, in quanto il vulcano da quelle parti lo mettono in mostra tutti. È un segno di riconoscimento, ma se lo usano tutti si perde riconoscibilità. Ferrara Sardo lo ha ritratto però in modo artistico, accennato con un tecnica che sembrerebbe simile al carboncino e che comunque risulta immediata quanto eclettica. Dalla fumarola del vulcano esce, scritto a mano, il nome del vino: "'inzemmula", parola in dialetto che significa "stare insieme", cioè condivisione, gioia di condividere cibo, vino, passioni, illusioni, di questa vita che le viti rendono migliore. Un bel concetto, anch'esso non originalissimo ma verace e condivisibile. Etichetta semplice, che alla base riporta il nome del vino "in chiaro" (giusto renderlo leggibile a tutti) e la dicitura di legge "Vino Rosso". Toni caldi come si addice a un vino vulcanico. Bella la frase in siciliano che appare nel sito del produttore dopo la descrizione del vino: "Godetene: "pi lu piaciri di stari 'nzemmula"!

L'Importante è Procedere Bene

branding concept marketing comunicazioneProcedo, Barbera, Lady Hill Winery,

Ha attirato subito la nostra attenzione questa etichetta spartana. Da lontano si coglie un bollo rosso al centro di un fondo nero. Ottico e attenzionale. Il nome, in bella evidenza, è "Procedo", parola italiana con un etimo interessante: da "procedere", francese "procèder", dal latino "processus", composto da "pro" posto davanti a "cedere" nel senso di camminare, andare. Nel sito del produttore, in inglese troviamo: "the Procedo (meaning, “to go forward”) label is the wine buyer’s next step to experiencing the True Northwest flavors of Lady Hill Winery. Using premier regional grapes from heritage Northwest vineyards (including Barbera and Sangiovese from Washington’s Red Willow Vineyard, the first planting of these grapes in the Northwest) Procedo wines are Northwest expressions of classic Bordelaise and Super Tuscan-inspired varietals and red blends". Guardando l'etichetta più da vicino ci si accorge che il bollo rosso un'impronta digitale, probabilmente di un pollice. E su questo il sito aziendale dice: "The smartly designed bottle reflects a bold and masculine statement. The sophisticated silver and black tones, clean and modern typeface, plus the signature red fingerprint of Jerry Owen (his personal stamp on these Old World varietals) present an image of sophistication and craft that belies Procedo’s accessible price range, making a snap purchase decision easy". Essenziale il design, come si diceva all'inizio di questo articolo. Diretto, lineare, pulito, senza concessioni a facili emozioni se non fosse per quell'impronta, una specie di firma umana, un Dna personale, dotato di unicità e certamente in grado di incuriosire. Non sappiamo esattamente come viene pronunciato "Procedo" in america, ma a noi è comunque simpatico.

Brunello Zebrato Sempre Piaciuto?

grafica illustrazione arte marketing comunicazione
Zebras, Brunello di Montalcino, 
Villa i Cipressi.

grafica marketing branding comunicazioneDi fronte a un'etichetta così particolare (in considerazione anche del fatto che si tratta di un Brunello di Montalcino) è necessario dare subito delle spiegazioni. Le prendiamo direttamente nel sito del produttore, una giovane azienda toscana (che ha iniziato a produrre nel 2000): "La nostra cantina è piccola ma molto particolare perché è stata dipinta ispirandosi ad un quadro di Waltraud Redl, una nostra amica austriaca. Cosi Patrizia Bernini e Waltraud si sono divertite a dare vita a “Zebras” in un’ambiente insolito. Da tutto questo è nato anche il vino “Zebras”, un Brunello di Montalcino che è la selezione delle nostre migliori uve". In pratica, il locale dove si trova la barricaia è interamente affrescato con zebre multicolore, le medesime che vengono riportate in etichetta. Il vago significato (aggiuntivo) che abbiamo colto è che la molteplicità degli striati equini e la variabilità dei loro colori rappresenta le diverse zone (e forse anche tipologie di cloni) dove il brunello (sangiovese grosso) viene coltivato, selezionato e raccolto per essere trasformato in questo vino (top di gamma dell'azienda). Si tratta di un gioco, certo, che ha creato etichette iconografiche, "flagship" come dicono gli americani, atte a generare curiosità. E in questo ci riescono bene perché un Brunello che si chiama "Zebras" è certamente insolito e originale (anche un Rosso di Montalcino e una Grappa della medesima azienda hanno usufruito della zebritudine). Certo anche che il mood esotico che questa etichetta genera, nulla c'entra con il celebre altopiano toscano che ospita uno dei vini più tradizionali e conosciuti d'Italia.

Lettere in Ordine Sparso: il Caos-Design

grafica marketing comuniazione
The Label, Cabernet Sauvignon, Turley.

grafica marketing comunicazioneL'importante è esagerare, recitava un noto cantautore milanese. E questo produttore della Napa Valley l'ha fatto. Ha esagerato. Stiamo parlando dell'etichetta del suo Cabernet, logicamente, qui ritratto. Una winelabel dark-style che ti sbatte in faccia esercizi di lettering come in una scuola di grafica. Ma partiamo dal nome, esagerato anch'esso (nel minimalismo creativo, diciamo così): il vino si chiama "The Label". Insomma, come se qui in Italia chiamassimo un vino "L'Etichetta". Potrebbe avere anche dei risvolti originali, tutto sommato. Vediamo il design: il nome, e gli altri elementi verbali del packaging sono letteralmente sparsi in tutta la superficie disponibile senza un senso, un verso, un nesso. Le parole vengono addirittura spezzate, invertite, ribaltate. Il caos creativo, direbbe qualcuno. Noi no. Ci viene da dire che è una gran confusione. Forse si farà notare, risulterà curiosa e strana a vedersi, ma questo esercizio di "stranezza" ci sembra fine a se stesso e quindi poco plausibile. Certo le etichette dei cabernet di Bordeaux sono invariate da secoli e quindi un po' noiose, ma qui si è esagerato.

Un Lettering e un Design Rivoluzionari

packaging branding comunicazione
Revolution, Brut Pas Operé, Cà del Vént.

grafica advertising marketing comunicazioneSi può proprio dire che con questa etichetta i ragazzi di Cà del Vént hanno mandato a gambe all'aria la leggibilità. Ma tant'è. Anche il vino, uno spumante, è "rivoluzionario" secondo molti intenditori. Tecnicamente è un ribelle del disciplinare del Franciacorta. Ma torniamo all'etichetta e al nome, "Revolution". Il design è pulito, essenziale, minimalista. E il nome... è di fatto scritto due volte ma per leggerlo serve l'elasticità (anche mentale) di un contorsionista. Alla fine il nome "salta fuori". Così nascosto e illeggibile che viene quasi (quasi) da elogiare una tale, azzardata, scelta. Come quanto il kitsch va oltre ogni misura e diventa arte. Discutibile, ma arte. Anche le scelte cromatiche sono insolite per il mercato in cui si colloca il prodotto. Un giallo canarino su toni di grigio che sicuramente non mancherà di attirare l'attenzione. Bisogna considerare che anche le altre etichette dell'azienda sono decisamente insolite (non le riportiamo per questioni di spazio ma sono visibili qui, nel sito del produttore). Onore quindi al coraggio di scelte anarchiche, ma tra rivoluzione e anarchia non vorremmo impantanarci in questioni politico-filosofiche. Il vino, tutto sommato, è materia semplice: è uva fermentata.

Nomi da Marketing d'Assalto

grafica branding marketing comunicazione
Rosso da Pesce, Nerello Mascalese e Cappuccio, 
La Gelsomina.

Cosa avrà spinto questo produttore siciliano alla decisione di chiamare questo rosato (c'è scritto "Rosso" come definizione formale ma di fatto è rosato) con l'appellativo "Rosso da Pesce"? Sicuramente uno dei motivi sarà stata la volontà di collocarlo inequivocabilmente, a livello gastronomico, in un menu a base pesce. Ampliare quindi il suo consumo. Insomma una forma di marketing d'assalto con finalità commerciali. Tutto questo a rischio di gettizzarlo affiancandolo a una sogliola. La sua definizione, con questo tipo di precisione, probabilmente è stata adottata nell'intento di essere distintivi nei confronti della concorrenza. Anche perché da sempre i rosati vengono comunque ben considerati come affiancamento a un piatto di pesce. E poi Rosso da Pesce, tutto sommato, non è nemmeno un nome: è una didascalia, un consiglio, un suggerimento. Certamente i due vitigni che compongono questo vino sono "leggeri", anche nelle versioni vinificate in rosso vero non evocano vini spessi e profondi ai quali abbinare brasati e lessi piemontesi. Ma il complesso verbale di questa etichetta rimane in un certo senso incompiuto, con quel suo essere, né rosso, né rosato, nè carne, né pesce. Per il tutto il resto notiamo che il packaging design è così lineare da risultare irrilevante: in pratica ingiudicabile.
packaging design branding comunicazione

Un Nome Rotondo Come il Bombino (Nero)

etichette brading comunicazioneRondò, Bombino Nero Igt (Rosato), Terra Maiorum.

D'accordo, il "rondò" ai giorni nostri è quella rotonda, a volte fastidiosa, che regola il traffico di molte vie che convergono nel medesimo punto, evitando così di posizionare un ancora più fastidioso semaforo. Noto altresì in Italia fu, molto tempo fa, un gruppo musicale che si chiamava "Rondò Veneziano" e che richiamava gli echi della musica cameristica in versione ritmata e moderna. Invece questo "Rondò", nome di un vino rosato pugliese, tratta probabilmente di un "giro armonioso di palato", nel senso che in primo luogo richiama una certa piacevolezza del vino. Il richiamo alla rotondità viene confermato da una illustrazione, un segno grafico, uno stilema, al centro della spartana etichetta: tre tratti arrotondati, fluenti, sinuosi, quasi a formare un vortice, quello del vino versato nel calice e poi fatto "girare", appunto, nel palato, per gustare e anche per "pulire" la bocca come da manuali enogastronomici. Questa è la versione export dell'etichetta, che appare comunque, e come detto prima, spartana, semplice, con pochi elementi in evidenza, fondo bianco, scritte molto leggibili, riferimenti essenziali. Anche dove, alla base, il nome dell'azienda, Terra Maiorum, bel nome, viene accompagnato dalla definizione "Cooperativa Lavorazione Prodotti Agricoli", completa ma probabilmente superflua. Nel suo complesso un packaging efficace, pulito, memorabile, non sugli scudi ma di ottima progettazione.

Nomi Forti e Tradimenti Vari

branding concept marketing etichette
Il Traditore, Sangue di Giuda, 
Azienda Agricola Manuelina.

Non vi è alcun dubbio: il nome "Il Traditore" si riferisce la definizione della tipologia alla quale attiene il vino, il Sangue di Giuda. Si tratta di un vino frizzante tipico dell'Oltrepò composto dai vitigni Croatina, Barbera e Uva Rara. Giuda infatti, nell'epopea cristiana raccontata dai Vangeli è notoriamente un traditore nei riguardi di Cristo. Non è una accezione bella, non è nobile, non è plausibile. Ma potrebbe starci in quanto rafforzativo, vicendevolmente, della tipologia e del vino stesso. Purtroppo tra i modi di dire della lingua italiana, spesso si sente pronunciare "quel vino è traditore", nel senso che dopo averne bevuto qualche bicchiere in più, il tradimento si manifesta con malessere o mal di testa o stato catatonico magari il giorno seguente alla libagione. Per cui il richiamo al tradimento potrebbe essere preso come un dubbio sulla genuinità, purezza, salubrità del vino stesso. Come minimo, questo "difetto semantico" potrebbe indurre a berne di meno, e questo non sarebbe male, in generale, ma di fatto ogni ombra che si proietta sul prodotto, certamente non aiuta una sua valida percezione.

Un Brunello nei Flutti Azzurri

packaging branding comunicazioneVigna Spuntali, Brunello di Montalcino, 
Val di Suga.

La potestà di questo vino è di una grande azienda italiana che opera nel settore farmaceutico. Stiamo parlando di investimenti, non di chimica del vino, naturalmente. Il marchio "Val di Suga" pre-esisteva e indicava una vitivinicola produttrice di Brunello dal 1977. Partiamo quindi dal nome aziendale, che presenta fastidiose assonanze con "sugo", e soprattutto con un volgo popolare, molto attuale (non lo era negli anni '70, a discolpa di chi decise di adottare questo nome, forse topografico) che richiama la parola "suca", non propriamente un'accezione elegante. Andiamo oltre analizzando questa etichetta (l'azienda ne ha altre, che indentificano il Brunello "base", il Riserva e altri due cru da vigne specifiche, Vigna del Lago e Poggio al Granchio). L'illustrazione, piuttosto fumettosa, esce dai canoni "brunelliani" (e questo è positivo, in un certo senso) ma lo fa con una giocosità forse eccessiva. Apprezzabile l'ironia che ha spinto il designer a collocare una bottiglia galleggiante in mezzo al laghetto (insieme a conchiglie, riccioli d'onda e forse pesci) ma con una riserva dovuta, appunto, alla tipologia di vino e di clientela. La presenza del lago (realmente esistente subito sotto all'edificio sede dell'azienda) giustifica la presenza di un croma azzurro, poco affine al vino e in generale alle etichette per il vino rosso. Si poteva probabilmente evitare il cromatismo lasciando tutta l'illustrazione in bianco a nero. Niente da dire sul nome "Vigna Spuntali" se non che foneticamente non è gradevole. Infine è probabilmente un errore dare poco rilievo (dimensionale e cromatico) alla scritta Brunello di Montalcino (collocata nel tassello inferiore dell'etichetta e poco visibile).

A Mantova si Parla Senese (ma si Beve Lambrusco)

packaging design grafica marketing comunicazioneS'i' Fosse Foco, Lambrusco Mantovano Biologico, 
Azienda Agricola Pacchioni.

naming grafica branding comunicazioneL'etichetta pulita, semplice, evocativa, diciamo pure moderna per essere di un Lambrusco, di questo vino (biologico, frizzante, a base Ruberti, Salamino e Ancellotta) attira l'attenzione non solo per il design ma anche per il nome. Nell'illustrazione vediamo un uomo con fattezze da "Passator Cortese", tra il brigante e il contadino che beve un bicchiere di vino. Tutto qui. In alto il nome dell'azienda produttrice. Al centro il nome del vino: "S'i' Fosse Foco", un evidente richiamo al noto sonetto medievale di Cecco Angiolieri, senese, e musicata nel '68 da De André. Vale lo sforzo di rileggerla nella versione originale: "S'i' fosse foco, ardere' il mondo; s'i' fosse vento, lo tempestarei; s'i' fosse acqua, i' l'annegherei; s'i' fosse Dio, mandereil'en profondo; s'i' fosse papa, serei allor giocondo, ché tutti cristïani embrigarei; s'i' fosse 'mperator, sa' che farei? A tutti mozzarei lo capo a tondo. S'i' fosse morte, andarei da mio padre; s'i' fosse vita, fuggirei da lui: similemente faria da mi' madre. S'i' fosse Cecco, com'i' sono e fui, torrei le donne giovani e leggiadre: le vecchie e laide lasserei altrui". Nel sito del produttore non è dichiarata la ragione per cui il vino è stato chiamato così. Certamente è una scelta originale che può incuriosire e "funzionare" come primo elemento di comunicazione del vino.

Un Nome che Fa l'Eco (a Se Stesso)

branding marketing comunicazione
RosaMiooO, Rosato Lazio Igt, Tenuta Santa Lucia.

Forse è un miagolìo. Più probabilmente il tentativo di evitare la trappola della registrazione di un nome, che negli ultimi anni, grazie a internet, è diventato un problema intricato. In pratica, la scelta, molto particolare, di questa azienda vinicola del Lazio, è stata quella di aggiungere delle improbabili "ooo" a un nome tutto sommato normale. Una sorta di auto-affermazione, sia letterale (sorprende al primo sguardo), sia fonetica (pronunciando le tre "ooo" in forma estesa), sia formale (brevettabilità). Il risultato? Controverso. Nel senso che sicuramente va controcorrente, si fa notare, incuriosisce. Ma dal punto di vista concettuale risulta molto basico. Da notare, graficamente, che l'ultima "O" è maiuscola (così come l'iniziale "R" e la mediana "M"). Sempre per quanto riguarda la grafica, l'impaginazione, insomma il packaging in generale, la scrittura in verticale non aiuta la leggibilità ma per il resto gli elementi sono collocati in modo misurato e ben equilibrato. Lascia perplessi il nome, lo diciamo una volta di più, anche se il suo risultato l'ha ottenuto: ha attirato la nostra attenzione. E forse, è auspicabile per l'azienda, anche quella degli appassionati di vini rosati.

La Quadratura della Bottiglia

naming branding concept marketing
Milledì, Franciacorta Brut Docg, Ferghettina.
grafica etichette marketing comunicazione
Questo è un caso molto interessante di commistione tra design e tecnicità. Ovvero il design NON fine a se stesso, come dovrebbe sempre essere. Un design funzionale oltre che concettuale. 5 anni fa, dopo altrettanti anni di studio e progettazione, Ferghettina introduce sul mercato una bottiglia quadrata molto bella. Stesso contenuto di quella classica, tondeggiante. Bella davvero, bella da vedere, da godere, da regalare, da mettere sulla tavola. Ma veniamo al punto: questa bottiglia è stata progettata per donare al vino, durante la fase di stasi, a bottiglia sdraiata, un maggiore sviluppo organolettico, in quando la superficie dei lieviti a contatto con il vino risulta maggiore se distribuiti su un lato piatto, rispetto ad un lato tondo (dove si accumulano e non si espandono). Non è stato semplice, spiegano alla Ferghettina: la bottiglia quadrata è stata progettata (e riprogettata più volte prima di arrivare a quella giusta) per reggere la pressione interna dello spumante (che una bottiglia rotonda regge meglio) e quindi con uno spessore e una forma, soprattutto negli angoli, adatti all'impresa. Vetro chiaro, trasparente, grande eleganza. Un bel progetto, una bella idea. Distintiva e funzionale. Anche il nome di questo vino è distintivo e funzionale: "Milledì". Breve, evocativo, rotondo (lui sì), valoriale, memorabile. Il risultato, nel suo complesso... è un ottimo risultato!